Milano-Sanremo 2020, Vincenzo Nibali: “Contento per come hanno risposto le gambe, anche se il risultato è stato un pugno di mosche”

Vincenzo Nibali è contento di come ha risposto la gamba alla Milano-Sanremo 2020. Il corridore della Trek-Segafredo ha mostrato tanta voglia di vincere ed è stato il primo ad attaccare sul Poggio, anche se, come lui stesso ha ammesso ai nostri microfoni dopo il traguardo, la sua azione si è rivelata decisiva poi per Alaphilippe e Van Aert. Il siciliano comunque non ha rimpianti, sapendo anche che il primo e il secondo classificato avevano caratteristiche più adatte delle sue a una corsa del genere, ed è apparso più contento della condizione che deluso dal risultato.

“Van Aert l’aveva dimostrato specialmente alle Strade Bianche, era il favorito della giornata – ha commentato circa le caratteristiche dei suoi avversari – Io ero alla quarta corsa oggi, molto lunga, sono contento. Ho sbagliato, ho attaccato troppo lungo e di fatto ho lanciato l’azione per Alaphilippe e mi è mancata la gamba per seguire. Loro sono molto più esplosivi e veloci di me, hanno molte più fibre bianche su un’azione del genere. Io alla fine stavo bene, abbiamo fatto una giusta interpretazione, perché non avevamo corridori veloci, abbiamo attaccato più volte. Alla fine sono contento per come le gambe rispondevano anche se poi il risultato è stato un pugno di mosche, però alla fine è stata una bella gara. Una Sanremo completamente diversa, il caldo ha fatto secondo me molti più danni del percorso, che comunque non era semplice. Fiducia per il Lombardia? Vediamo”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.