© UCI

Ineos Grenadiers, Tom Pidcock accelera: “Esordio già in Algarve, poi apertura in Belgio e Strade Bianche”

Tom Pidcock anticipa i tempi. Il suo contratto con la Ineos Grenadiers sarebbe dovuto iniziare a Marzo, ma il giovane britannico ha spiegato in questi giorni che le sue prime corse con la nuova maglia saranno già nel mese di febbraio. Se inizialmente si pensava che avrebbe osservato un periodo di riposo al termine della stagione di ciclocross nella quale sta dimostrando quest’anno di essersi avvicinato molto al gotha della specialità, il classe 1999 ha fatto sapere a The Lanterne Rouge Cycling Podcast che il suo approdo nella corazzata britannica avverrà già a febbraio, a pochi giorni dal mondiale di Ostende che, di fatto, chiuderà la parentesi invernale di CX.

“Non farò alcuna pausa dopo il Mondiale, ma ripartirò subito visto che abbiamo anticipato il mio esordio su strada, che sarebbe dovuto essere a marzo”, dettaglia, svelando che il primo impegno sarà tuttavia in MTB, visto che prenderà parte alla Mediterranean Epic (11-14 febbraio), in Spagna. A questo seguirà l’esordio su strada con la Volta ao Algarve (17-21 febbraio), nel vicino Portogallo. Poi volerà in Belgio per il Week-end di apertura che prevede Omloop Het Nieuwsblad (27 febbraio), prima corsa WorldTour della sua promettente carriera, e Kuurne – Bruxelles – Kuurne (28 febbraio).

“Dopo le prime corse, il mio primo obiettivo sarà la Strade Bianche – aggiunge – Poi spero di riuscire a inserire anche un bel blocco in MTB a giugno, a cui spero faranno seguito i Giochi Olimpici di Tokyo (sempre nella stessa specialità, ndr). In seguito, nella seconda parte della stagione, vorrei partecipare alla Vuelta a España e ai Mondiali su strada nelle Fiandre”. Non ci sarà invece nel suo calendario la Parigi – Roubaix, corsa che ha vinto a livello giovanile, mentre in precedenza aveva indicato anche che sarebbe stato probabilmente al via anche delle Ardenne.

Riguardo il suo esordio in un GT, lui che arriva al 2021 dopo aver dominato lo scorso anno il Giro d’Italia U23, sa che in una squadra come l’ex Sky avrà prima di tutto compiti di gregariato per i grandi nomi presenti. Il che chiaramente gli toglierà anche la pressione di far subito risultato. “Mi piace l’idea di correre un grande giro – aggiunge – Non ci andrò come leader, ma correrò per la squadra, oltre che per me. Mi sta bene, così non ci sarà pressione e correrò più libero. E poi mi piace lavorare anche per gli altri ogni tanto”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.