© Astana - PremierTech / GettyImages

Bora-hansgrohe, Aleksandr Vlasov: “Ho scelto di lasciare l’Astana per non correre rischi, in quel momento la situazione era incerta”

È tempo di bilanci per Aleksandr Vlasov. Il giovane talento russo, nonostante l’unica vittoria stagionale sia arrivata a cronometro nel campionato nazionale, si ritiene soddisfatto dell’annata trascorsa. Questo grazie agli ottimi piazzamenti ottenuti nella classifica generale di corse importanti come la Parigi – Nizza, il Tour of the Alps e il Giro d’Italia in cui è arrivato rispettivamente secondo, terzo e quarto. Il 2022 si aprirà con una novità importante, il cambio casacca: dopo il debutto alla Gazprom – Rusvelo e due anni in Astana – Premier Tech, il classe 1996 passerà infatti alla Bora – hansgrohe, formazione con cui ha firmato un contratto triennale.

Della stagione passata, il russo elegge il Giro come il risultato migliore sebbene sia rimasto ai piedi del podio: “Sono rimasto costante per tre settimane e anche se non sono arrivato sul podio sono contento del risultato”, commenta soddisfatto a velo-club. La mancanza di un pizzico d’esperienza non gli ha permesso di raggiungere il terzo gradino, anche se c’è un episodio che al venticinquenne non è andato giù: “Sedicesima tappa. È stato un grosso errore volermi togliere la giacca antipioggia. E quando ci sono riuscito, la manica si è incastrata nella mia ruota e mi sono dovuto fermare per rimuoverlo”. Un errore che lo ha fatto arrivare al traguardo in settima posizione, a circa due minuti da Egan Bernal (Ineos Grenadiers) e che rischiava di pesare non tanto sul piano del risultato quanto su quello fisico con il rischio di una rovinosa caduta.

La seconda parte di stagione invece non è stata all’altezza delle aspettative, con gli appassionati si aspettavano una grande Vuelta a Espana, ma la fortuna non ha giocato dalla sua parte: “Non ero in gran forma, ma nonostante tutto ero pronto per agguantare una Top 10 alla VueltaSfortunatamente, sono caduto e ho perso tutte le mie possibilità”, ha commentato il nuovo acquisto del team tedesco che spiega inoltre come la compagine kazaka si fosse fatta avanti per trattenere il corridore: “Sì, ho ricevuto un’offerta, ma era in un momento in cui il futuro della squadra era piuttosto incerto. Alexandre Vinokourov e Premier Tech non erano d’accordo e non volevo correre rischi“, ha raccontato.

Per la prossima stagione si prevede uno step successivo: dopo i numerosi piazzamenti il talento formatosi in Italia si auspica l’arrivo di qualche vittoria, specialmente in gare in cui ha fatto bene nella passata stagione: “Voglio la mia rivincita sulla Parigi-Nizza oppure magari vincere un’altra gara di una settimana come la Tirreno-Adriatico”. Per il calendario c’è ancora da aspettare: “Ne parleremo al prossimo training camp che inizierà a dicembre a Tegernsee. Discuteremo il nostro calendario lì prima di iniziare uno stage a gennaio a Maiorca. Vorrei correre il Giro o il Tour. Ma anche perché non scoprire le Ardenne che non ho ancora mai corso”. 


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *