© Unipublic / PhotoGomezSport

Vuelta a España 2021, Enric Mas sottolinea la prestazione di squadra: “Un lavoro fantastico”

Enric Mas soddisfatto al termine della tappa regina della Vuelta a España 2021. Le rampe dell’Alto de Gamoniteiru hanno infatti sorriso ai colori Movistar, grazie al successo di Miguel Angel Lopez  a coronare  il lavoro dei compagni in quella che plausibilmente poteva essere l’ultima occasione per lasciare il segno in montagna. Al termine della diciottesima frazione il catalano, reduce il giorno precedente da una tappa difficile condizionata dalla stessa caduta che ha portato al ritiro di Giulio Ciccone, conserva così la sua seconda posizione, mostrandosi soddisfatto della prestazione di tutta la squadra che ha portato il colombiano alla vittoria

“Sono così felice per tutto il team che ha completato un lavoro fantastico – sottolinea il pupillo di Alberto Contador, nelle cui fila del team giovanile ha mosso i primi passi quando era ancora uno juniores – Imanol (Erviti, ndr) era nella fuga poi ha tirato molto in gruppo assieme a Nelson (Oliveira, ndr), mentre Rojas si è preso cura di noi fino all’ultima salita”.

Una condotta di gara che ha dato i suoi frutti quella della formazione spagnola che sull’ultima rampa, si è giocata come meglio credeva le proprie carte facendo muovere Lopez, il più lontano in classifica dei due: “Quando ha attaccato Miguel Angel è stato fantastico. Sapevamo che se fossi stato io ad attaccare la cosa più probabile sarebbe stata che Primoz Roglic mi avrebbe seguito, mentre Miguel Angel avrebbe avuto quel tipo di margine per giocarsi la vittoria. Una volta che è scattato, anche se volevo provare anche io, ho dovuto rispettare il mio compagno e tutta la squadra per il loro lavoro incredibile. Abbiamo vinto la tappa e ce ne andiamo così felici”.

Alla vigilia dell’ultima frazione mossa che sabato chiuderà i giochi per la classifica generale, i due leader della formazione spagnola distano così rispettivamente 2’30” e 2’53” dal leader Primoz Roglic (Jumbo-Visma), con il colombiano che dunque si è avvicinato al compagno pur rimanendogli alle spalle. “La tappa di sabato – anche quella di domani (oggi, ndr) sarà da tenere d’occhio – sarà di nuovo dura e tutto può succedere. Dobbiamo solo riposarci il più possibile stasera (ieri, ndr), vedere cosa accade domani (oggi, ndr) e poi pensare al weekend”,  chiude l’ex Deceuninck-Quick Step lasciando trasparire la possibilità di un’altra battaglia prima dell’arrivo di Madrid.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *