© Unipublic/Charly López

Vuelta a España 2021, Egan Bernal: “Cinque secondi non significano nulla. Oggi non comincerò a volare all’improvviso”

Egan Bernal non si illude in vista del fine settimana di montagna della Vuelta a España 2021. Il corridore della Ineos Grenadiers, infatti, ieri ha guadagnato 5” su tutti gli altri big al termine della tappa vinta da Florian Sénéchal, ma è consapevole che si è trattato soltanto di una buona lettura di una situazione di corsa e non di una gamba ritrovata. Il colombiano ha infatti spiegato di non volersi illudere e che sa che con la condizione che lo sta accompagnando potrebbe ritrovarsi a soffrire anche oggi e si pone dunque come unico obiettivo quello di dare tutto.

“Non pensavo ci sarebbe stato tutto quel caos nel finale, volevo solo essere ben posizionato – ha spiegato al termine della tappa di ieri – Ai -3 ho capito che il gruppo potesse spezzarsi, ero in buona posizione e lì hanno detto che il gruppo si stava dividendo. Ho provato a voltarmi, ma c’era una corridore dietro di me e non riuscivo a vedere quanti fossimo davanti. Erano tre chilometri e bisognava andare a tutta. Stando oltre due minuti dietro in classifica, questi cinque secondi guadagnati in una tappa piatta non sono una gran cosa. La cosa buona è che stavo davanti, non sono caduto e vedremo domani come sto. Cinque secondi non significano molto, dobbiamo essere sinceri. E non possono esserci chissà quali cambiamenti da un giorno all’altro. Domani non comincerò a volare all’improvviso, proverò solo a dare il massimo così che quando tornerà a casa avrò la soddisfazione di aver dato tutto”.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *