© Sirotti

Top/Flop della Settimana

TOP

Michal Kwiatkowski: Il trionfo alla Strade Bianche sembra di buon auspicio. Dopo una stagione difficile, l’ex iridato comincia questo 2017 nel modo migliore, trionfando in una corsa prestigiosa sfruttando le sue caratteristiche migliori. Senza dimenticare che l’anno della sua prima volta a Siena fu anche l’anno del successo di Ponferrada. E Bergen sembra un profilo in cui avrà spazio per esprimersi.

Adam Yates: Il britannico cala il bis al GP Larciano. Dopo il successo del 2014 il portacolori della ORICA – Scott si impone sul traguardo della corsa toscana dopo un finale corso con grande attenzione, rispondendo a tutti i tentativi degli altri attaccanti e poi battendoli in volata. Il percorso di avvicinamento al Giro d’Italia è solo all’inizio, ma Yates comincia sicuramente con il piede giusto ed ora è atteso alla conferma alla Tirreno – Adriatico.

Arnaud Demaré: Il francese sfreccia sul traguardo di Bois-d’Arcy, battendo oltre a tutti i suoi avversari anche il vento e la pioggia che hanno condizionato tutta la tappa. Successo che assume un valore doppio in ottica Milano – Sanremo e classiche del nord, secondo grande obiettivo del velocista della FDJ in questa prima parte di stagione. Curiosamente anche nel 2016 Demaré vinse la prima tappa in linea della Nizza per poi due settimane dopo imporsi alla Sanremo. Ovviamente la speranza del francese e della sua squadra è di ripetere ciò anche in questo 2017. 

FLOP

Romain Bardet: Giornata da dimenticare per lo scalatore della AG2R La Mondiale. Dopo esser rimasto attardato per una caduta il francese rientra in gruppo grazie al “supporto” dell’ammiraglia, sfruttando una spinta significativa da parte del meccanico durante lunghi tratti. Le immagini tv lo hanno immediatamente inchiodato e la giuria di conseguenza ha deciso di squalificarlo. Un brutto gesto quello di Bardet, che si è subito scusato, e che con ogni probabilità gli servirà per crescere e fare maggiore attenzione in determinati momenti di corsa.

Le moto: Ancora una volta le moto finiscono al centro delle discussioni. Alla Strade Bianche fortunatamente non ci sono stati incidenti provocati dalle motociclette in corsa, ma la polemica è legata alla loro posizione quando Kwiatkowski ha attaccato. In particolar modo a lamentarsi è stato Van Avermaet che ha chiesto maggiore sicurezza e di imporre regole più rigide.

La vicenda della nazionale del Gabon: Ha del surreale quello che è successo alla Tropicale Amissa Bongo. La corsa africana è la più importante del Gabon, ma alla partenza della corsa proprio la nazionale di casa non si è presentata al foglio firma della prima tappa, abbandonando di conseguenza a corsa. Alla base di questo comportamento il mancato pagamento dei premi che spettavano i corridori, i quali hanno allora deciso di non partecipare alla corsa. Ora per loro oltre al danno anche la beffa visto che la federazione del Gabon ha criticato questo comportamento, annunciando che ci saranno delle possibili sanzioni.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.