© Sirotti

Tokyo 2020, Davide Cassani: “Peccato per i crampi di Bettiol, ma sono orgoglioso dei miei Azzurri”

Davide Cassani orgoglioso della gara degli Azzurri nella prova in linea delle Olimpiadi di Tokyo 2020. Nonostante alla fine non sia arrivata una medaglia, il CT della nazionale ha elogiato i componenti della spedizione olimpica, che hanno interpretato al meglio una difficile corsa nella quale non partivano come favoriti. Se Giulio Ciccone, Vincenzo Nibali e Damiano Caruso dovevano provare a movimentare la gara con attacchi da lontano, Gianni Moscon e Alberto Bettiol avevano il compito di finalizzare il lavoro nel finale: e il toscano, infatti, era riuscito a rimanere nel gruppo dei migliori, mostrando un’ottima gamba che poteva far sperare in un buon risultato per l’Italia. Purtroppo, però, ad una quindicina di chilometri dal traguardo il 27enne è stato colpito dai crampi, dovendo così abbandonare ogni speranza di conquistare una medaglia.

“Peccato per i crampi di Alberto Bettiol – ha dichiarato Cassani – Non sappiamo per quale motivo siano venuti, soprattutto in un tratto di strada in cui era discesa ed è stato costretto a smettere di pedalare. Sono orgoglioso dei miei Azzurri, hanno dato il massimo. Sapevamo di non essere i favoriti, ma abbiamo interpretato un’ottima corsa. Ora ci aspetta la crono e sarà piuttosto dura. Bettiol avrà la possibilità di riscattarsi e con Filippo Ganna sapranno fare bene”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.