Presentazione Squadre 2022: Movistar

Una Movistar sempre più a tutto tondo è quella che si presenta ai nastri di partenza della stagione 2022. La compagine di Eusebio Unzué continuerà a puntare ai GT come ha sempre fatto, ma non molla il suo progetto di creare un gruppo adatto a far bene anche nelle Classiche iniziato due anni fa inserendo in organico corridori funzionali all’obiettivo. Acquisisce poi un valore speciale la stagione di Alejandro Valverde, perché sarà l’ultima della carriera dell’ex campione del mondo, che ha vissuto tutti i successi più importanti di questo team, con cui ha corso praticamente tutta la carriera, diventandone l’uomo simbolo.

Gli uomini più attesi

Enric Mas ha per una volta tutta la pressione sulle sue spalle. Dopo l’addio burrascoso di Miguel Angel Lopez a fine 2021, l’ex QuickStep è l’unico uomo da GT della compagine di Unzué. Il classe ’95 ha ottenuto ottimi risultati negli ultimi due anni, conclusi con il secondo posto all’ultima Vuelta, ma è stato praticamente sempre accompagnato da almeno un altro capitano, potendo così dividere con altri il fardello della leadership. Quest’anno, invece, sia al Tour che alla Vuelta sarà sin da subito lui l’unico uomo di classifica, che vuol dire più pressione, ma anche una squadra tutta per lui. Tutto dipenderà dalla sua reazione.

In ogni caso, ci si aspetta sempre tanto dal sempiterno Alejandro Valverde. Il corridore murciano negli ultimi anni ha mostrato di avere spesso difficoltà a fare classifica nei GT, al netto del ritiro all’ultima Vuelta quando era ancora nelle prime posizioni, ma quest’anno parteciperà al Giro d’Italia e l’unica altra volta in cui ha preso parte alla corsa rosa, nel 2016, l’ha conclusa sul podio. Non mancheranno poi altri obiettivi per l’Embatido che, come al solito, metterà nel mirino nelle Ardenne e, più in generale, cercherà di vincere ogni volta che ne avrà l’occasione.

Passando al reparto Classiche, ci si attende risultati anche dal nuovo arrivato Alex Aranburu. Il classe ’95 ha fatto vedere più volte il suo potenziale negli anni in maglia Astana, ma ha sempre fatto fatica a capitalizzare, con un totale di soli quattro successi in carriera che non rendono giustizia alle sue abilità. Nel 2022 dovrà imparare a scegliere il momento giusto, facendosi aiutare da un team di casa, che potrebbe aiutarlo a crescere come già accaduto con Mas. Processo non ancora completato con Ivan Garcia Cortina, arrivato lo scorso anno per essere l’uomo di riferimento sul pavé, ma che non è riuscito ancora a brillare, anche a causa di qualche problema fisico. L’ex Bahrain, comunque, non ha perso la fiducia del team e anche quest’anno è l’uomo designato per guidare la squadra sul pavé, con una selezione costruita intorno a lui.

A supportare lo spagnolo ci sarà un mix di giovani ed esperti, con corridori come il danese Mathias Norsgaard  e il veterano Imanol Erviti che daranno una buona mano e magari, soprattutto il primo, proveranno a rispondere presente in caso di forfait dei capitani designati. Non ha un buon ricordo dell’ultima classica che ha corso Matteo Jorgenson, che ha passato l’ultima Roubaix a ingoiare fango e non solo. Il classe ’99 si è mostrato un prospetto interessante anche per le corse a tappe di una settimana e in questo 2022 proverà a essere ancora più protagonista. A chiudere il comparto pavé c’è poi Johan Jacobs, che ha chiuso il 2021 con un brutto infortunio alla Vuelta, ma si sta già preparando per essere utile alla causa del team in primavera.

Nelle Ardenne, invece, oltre all’indiscusso Valverde, potrebbe esserci qualche occasione anche per Gonzalo Serrano, reduce da una prima stagione nel WorldTour vissuta ad alto livello.  L’ex Caja-Rural potrà dunque crescerà all’ombra di una leggenda come Valverde, e nel frattempo continuare il suo percorso di crescita, che passa anche dalle corse a tappe di una settimana, dove lo scorso anno ha già dimostrato di poter essere competitivo. Caratteristiche simile anche per il nuovo arrivato Gorka Izagirre, che porta anche la sua esperienza in un team che sembra averne particolarmente bisogno, magari anche per cercare qualche successo parziale nei GT.

Nei GT potranno provare a rendere al meglio anche corridori come Antonio Pedrero e  Sergio Samitier, che nelle loro ultime partecipazioni al Giro d’Italia hanno mostrato un buon passo in salita (anche se sempre un gradino sotto i migliori) e potrebbero approfittarne magari per dedicarsi a loro volta ai successi di tappa, invece di continuare a collezionare piazzamenti nella top 20 finale. Gli uomini più attesi in salita sono però i colombiani Einer Rubio Ivan Sosa. Il primo negli ultimi due anni ha continuato a crescere sempre più (indicative in questo senso le prestazioni all’ultima Vuelta a Burgos) e ormai i tempi sembrano maturi per ottenere una vittoria che gli permetterebbe di fare un ulteriore salto di qualità nella sua giovane carriera, mentre il secondo è forse il colpo di CicloMercato più interessante e viene da tre annate in maglia Ineos in cui ha mostrato il suo talento solo a sprazzi e, a conti fatti, ha reso meno rispetto alle aspettative iniziali. La Movistar potrebbe essere l’ambiente ideale per lui come era già successo al connazionale Nairo Quintana, che con questa maglia ha ottenuto tutti i successi più importanti della sua carriera.

In cerca di rilancio anche Gregor Mühlberger, che lo scorso anno ha sofferto di numerosi problemi fisici e dovrà quindi sfruttare il 2022 per capire quale potrà essere il suo ruolo all’interno di questa squadra. Ormai chiaro, invece. il ruolo di Nelson Oliveira Carlos Verona, che saranno ai GT da battitori liberi e proveranno a inserirsi sempre più spesso nelle fughe per cercare successi parziali e/o per fare da punto da appoggio ai capitani nel finale, come è già accaduto più volte negli ultimi anni.

La squadra si è rinforzata anche nel reparto volate, con l’arrivo del tedesco Max Kanter, che ha già ottenuto vari piazzamenti in volata, anche nei GT, e ora spera di poter trovare finalmente la prima vittoria della carriera in una squadra in cui lui sarà l’unico velocista, al netto della presenza in organico di Jose Joaquin Rojas, che da qualche anno si è trasformato in uomo squadra, e di qualche volata che sarà disputata da Cortina, come già accaduto allo scorso Tour.

Le giovani promesse

L’unico neo pro è il brasiliano Vinicius Rangel Costa, classe 2001 che ha già appassionato la stampa spagnola per l’omonimia con il forte dell’attaccante del Real Madrid. Il giovane sudamericano, dopo essersi messo in mostra nel suo continente, lo scorso anno ha ottenuto buoni risultati nel calendario amatoriale spagnolo, guadagnandosi la convocazione al mondiale U23, chiuso in nona posizione. Per lui quest’anno servirà semplicemente a crescere e a fare esperienza.

Esperienza che servirà ancora a Juri Hollman, che è giunto ormai alla sua terza stagione nel team e non sembra riuscire a tenere il passo nemmeno dei corridori che erano passati pro insieme a lui come Jorgenson e Jacobs, figurarsi quello del resto del team. Il 2022 dovrà essere per lui già l’anno della svolta. Molto buona invece la prima stagione da pro del portoricano Abner Gonzalez, che in un calendario ritagliato su misura per lui ha ottenuto risultati importanti come il doppio titolo nazionale, il sesto posto al Giro del Portogallo con la vittoria della classifica dei giovani, il quarto posto al Circuito Gexto. Inoltre, il classe 2000 ha mostrato anche di saper lavorare per il team, come ha fatto alla Volta a la Comunitat Valenciana, chiusa in quattordicesima posizione pur lavorando per Mas e Oliveira. Nel 2022 dovrà semplicemente continuare nella scia di quanto fatto nel 2021.

La squadra

MOVISTAR TEAM
Contatti
MOVISTAR
Poligono Industrial de Egües
Calle Z Nave 24
31486 Egües (NAVARRA)
SPAGNA
Email: info@abarcasports.com
Sito: www.movistarteam.com
Organico
ARANBURU DEBA Alex 19.09.1995
ESP
ARCAS Jorge 08.07.1992
ESP
BARTA William 04.01.1996
USA
ELOSEGUI MOMEÑE Iñigo 06.03.1998
ESP
ERVITI Imanol 15.11.1983
ESP
GARCIA CORTINA Ivan 20.11.1995
ESP
GONZÁLEZ RIVERA Abner 09.10.2000
PUR
HOLLMANN Juri 30.08.1999
GER
IZAGIRRE INSAUSTI Gorka 07.10.1987
ESP
JACOBS Johan 01.03.1997
SUI
JØRGENSEN Mathias Norsgaard 05.05.1997
DEN
JORGENSON Matteo 01.07.1999
USA
KANTER Max 22.10.1997
GER
LAZKANO LOPEZ Oier 07.11.1999
ESP
MAS BONET Luis Guillermo 15.10.1989
ESP
MAS NICOLAU Enric 07.01.1995
ESP
MÜHLBERGER Gregor 04.04.1994
AUT
OLIVEIRA Nelson 06.03.1989
POR
PEDRERO Antonio 23.10.1991
ESP
RODRIGUEZ GARAICOECHEA Oscar 06.05.1995
ESP
ROJAS José 08.06.1985
ESP
RUBIO REYES Einer Augusto 22.02.1998
COL
SAMITIER SAMITIER Sergio 31.08.1995
ESP
SERRANO RODRIGUEZ Gonzalo 17.08.1994
ESP
SOSA CUERVO Ivan Ramiro 31.10.1997
COL
TORRES BARCELO Albert 26.04.1990
ESP
VALVERDE Alejandro 25.04.1980
ESP
VERONA QUINTANILLA Carlos 04.11.1992
ESP
Neoprofessionisti
RANGEL COSTA Vinicius 26.05.2001
BRA
Staff
General Manager UNZUE LABIANO Eusebio 26.02.1955
ESP
Direttore Sportivo JAIMERENA LAURNAGARAY Jose Luis 12.05.1960
ESP
Ass. Direttore Sportivo GARCIA ACOSTA Jose Vicente 04.08.1972
ESP
Ass. Direttore Sportivo SCIANDRI Maximilian 15.02.1967
GBR
Ass. Direttore Sportivo VELASCO MURILLO Ivan 07.02.1980
ESP
Ass. Direttore Sportivo VILA ERRANDONEA Patxi 11.10.1975
ESP
Scegli la tua squadra al Fanta Tour de France! Montepremi minimo di 25.000 euro!
• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button