Presentazione Percorso e Favoriti Vuelta a Burgos 2018

Tutto pronto per la Vuelta a Burgos 2018. Giunta alla sua 40esima edizione, la corsa si snoda attorno alla città di Burgos, nella regione della Castilla y Leon, ed è ormai da diversi anni un antipasto della Vuelta a España, che quest’anno partirà il 25 di agosto. Nata nel 1946, la corsa ha dovuto chiudere i battenti già nel ’48, prima di tornare in pianta stabile a partire dal 1981. Il parterre di corridori è costantemente di buona fattura, tanto che negli ultimi dieci anni tutti i volti più rappresentativi del ciclismo iberico si sono imposti almeno una volta; da Alejandro Valverde (2004 e 2009), ad Alberto Contador (2016), passando per Joaquim Rodriguez (2011), Samuel Sánchez (2010), Dani Moreno (2012) e Mikel Landa (2017). Per l’Italia l’unico successo risale al 2000 con Leonardo Piepoli, anche se negli ultimi anni Vincenzo Nibali è arrivato due volte terzo (2010 e 2013) e il compianto Michele Scarponi secondo nel 2015. Il maggior numero di vittorie è detenuto da Marino Lejarreta (quattro volte, nel 1986,87,88,90).

Albo d’oro recente Vuelta a Burgos 2018

2017 LANDA Mikel
2016 CONTADOR Alberto
2015 TAARAMAE Rein
2014 QUINTANA Nairo
2013 QUINTANA Nairo
2012 MORENO Daniel
2011 RODRIGUEZ Joaquim
2010 SANCHEZ Samuel
2009 VALVERDE Alejandro
2008 ZANDIO Xabier

Percorso Vuelta a Burgos 2018

Anche in questa edizione ci sarà poco spazio per respirare per i corridori. Il tracciato ricalcherà a grandi linee quello dello scorso anno e i grandi protagonisti saranno ancora una volta gli scalatori. Si parte subito con una frazione insidiosa di 157 km nei dintorni di Burgos, con l’arrivo posto in prossimità del castello della città, dopo un breve strappo in pavé che l’anno scorso vide vincere Landa. La seconda frazione, 163 km con arrivo a Castojeriz, dovrebbe essere l’unica che sorriderà del tutto alle ruote veloci.

Il giorno dopo sarà il primo spartiacque della corsa, con l’impegnativo arrivo in salita a Picón Blanco, che l’anno scorso creò distacchi pesanti tra gli uomini di classifica. Da non sottovalutare anche la quarta tappa coi suoi 165 km fino a Clunia, il cui rettilineo finale in leggera pendenza dovrebbe favorire gli scattisti, con gli uomini di classifica che dovranno stare attenti a non farsi sorprendere. La resa dei conti sarà come ormai di consueto nell’ultima tappa di 141 km con arrivo a Lagunas de Neila, salita di oltre dieci chilometri adatta agli scalatori puri, che lo scorso anno vide arrivare in solitaria Miguel Ángel Lopez.

Tappe Vuelta a Burgos 2018

Martedì 7 Agosto – Prima Tappa: Burgos – Burgos (157 km)
Mercoledì 8 Agosto – Seconda Tappa: Belorado – Castrojeriz (163 km)
Giovedì 9 Agosto – Terza Tappa: Sedano – Espinosa de los Monteros (149 km)
Venerdì 10 Agosto – Quarta Tappa: Monasterio de San Pedro Cardeña – Ciudad Romana de Clunia (165 km)
Sabato 11 Agosto – Quinta Tappa: Salas de los Infantes – Lagunas de Neila (141 km)

Altimetrie e Planimetrie Vuelta a Burgos 2018

Favoriti Vuelta a Burgos 2018

Sulle strade di Burgos si preannuncia une bella lotta tra i pretendenti alla classifica generale. L’uomo più adatto al percorso sembra essere Miguel Ángel López (Astana), che tuttavia è sembrato ancora un po’ indietro di condizione alla Clasica San Sebastian. L’anno scorso si aggiudicò la tappa regina, chiudendo quarto in generale, e questo vorrà sicuramente provare a migliorarsi. Nel caso la forma non lo reggesse, sono pronti a prendere in mano la situazione Pello Bilbao, Dario Cataldo e Jan Hirt, con Omar Fraile che invece dovrebbe puntare ad una tappa. A fronteggiarli ci sarà un Team Sky come sempre competitivo: il capitano designato è David de la Cruz , con in seconda battuta Tao Geoghegan Hart e Kenny Elissonde. Occhio anche a Diego Rosa, le cui condizioni fisiche sono però un’incognita col fatto che è diventato padre da poco.

La Movistar si è sempre comportata bene in questa corsa e a tenere alto l’onore del team sarà questa volta Winner Anacona, molto attivo a San Sebastian, con Rubén Fernández e Rafal Valls pronti a sostituirlo in caso di necessità. Desta curiosità la condizione di Louis Meintjes (Dimension Data), impalpabile finora in questo 2018, che insieme ad Igor Anton proverà a portare a casa un buon risultato per la squadra africana.

Tra le professional il nome più interessante è quello di Ivan Ramiro Sosa (Androni-Sidermec), che se dovesse confermare il colpo di pedale di questa prima parte di stagione potrebbe essere un avversario ostico per tutti. Con lui ci sarà anche un corridore solido come Mattia Cattaneo. Uscito bene dal Tour de France, Rein Taaramäe (Direct Energie) proverà a ripetere la vittoria del 2015, quando trionfò davanti a Scarponi e Moreno. Infine è giusto citare gli uomini di casa come Javier MorenoÁngel Madrazo (Delko Marseille Provence KTM), Sergio Pardilla (CajaRural-SGA), Diego Rubio (Burgos-BH) e Mikel Bizkarra (Euskadi-Murias).

Per le tappe pianeggianti fari puntati su Carlos Barbero (Movistar), Marco Canola e Nicola Bagioli (Nippo-Vini Fantini), Davide Ballerini e Francesco Gavazzi (Androni-Sidermec), Delio Fernandez (Delko Marseille) e Matteo Moschetti (Polartec-Kometa).

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.