Giro d’Italia 2018, Pinot: “Il livello è più alto dell’anno scorso. Fino a sabato sera si può sperare”

Thibaut Pinot inizia l’ultima settimana del Giro d’Italia 2018 al quarto posto in classifica generale. Il francese non è riuscito a vincere nessuna tappa in questo Giro, ma non ha mai avuti veri e propri crolli ed ora si ritrova a soli 26 secondi dal secondo posto in classifica generale e a 2’37” dal leader Simon Yates (Mitchelton – Scott). Il portacolori della Groupama – FDJ può quindi guardare con grande ottimismo all’ultima settimana di corsa dove proverà a migliorare il quarto posto finale ottenuto solo dodici mesi fa.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

2 commenti

  1. Thibaut è un corridore che non può non piacere a chi ama il ciclismo. In corsa non si tira mai indietro, è sempre pronto a fare la sua parte senza calcoli micragnosi. Penso che sarebbe stato più vincente quando le corse erano senza le radioline in cui serviva la spregiudicatezza e l’improvvisazione. Troppi atleti danno spesso l’impressione di essere telecomandati da chi se ne sta tranquillamente in macchina. Mi piacerebbe che lui e Pozzovivo alla fine potessero far parte del podio. Yates fino ad oggi ha dominato in montagna ma bisognerà vedere come reagirà nella terza settimana mentre Doumoulin sembra al di sotto dell’anno scorso ma comunque sempre ad alto livello e molto intelligente nel leggere la corsa. A Sappada negli ultimi due Km. invece di perdere da Yates è riuscito a guadagnare qualche secondo. Di certo ha ragione Pinot nel dire che in questo Giro il tasso medio è al di sopra degli scorsi anni, cosa che prima di iniziare non lo avrei davvero creduto.

  2. In pieno accordo con fiorin augusto.Questo Pinot e’ veramente degno di ammirazione e rispetto.Sj vede che corre d’istinto come i campioni del passato ed e’ un battagliero generoso.Gli auguro veramente di vincere corse importanti.Forse e’ nato in un’epoca sbagliata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.