© Bahrain-Merida

Coppa Sabatini 2017, secondo posto amaro per Colbrelli: “Lui lo sa che ha sbagliato…”

Sonny Colbrelli decisamente contrariato al termine della Coppa Sabatini 2017. Secondo dietro ad Andrea Pasqualon, il capitano della Bahrain – Merida si è visto respinto il ricorso contro il rivale della Wanty – Groubert, che nel finale ha sbandato chiudendo la porta all’avversario. La vittoria è dunque rimasta al corridore della formazione belga, ma il bresciano non nasconde la delusione e la frustrazione dopo il traguardo. Per sé e per i suoi compagni, il cui lavoro non è riuscito a premiare.

Se faceva la volata pulita lo saltavo nettamente – esordisce – Non siamo in pianura, qui l’arrivo tende a salire e se smetti di pedalare una volta o due, non riesci più a recuperare. I giudici comunque hanno giudicato pulita la volata di Pasqualon, va bene così…” I due non si sono stretti la mano dopo il traguardo, che Colbrelli ha tagliato già protestando contro la manovra del vicentino. “Lui lo sa che ha sbagliato – aggiunge – Anche dopo l’arrivo, non mi ha neanche chiesto scusa. Io l’ho guardato subito, ma lui a testa bassa…”

Una frustrazione che tarda a placarsi da parte del bresciano, soprattutto per non essere riuscito a portare a termine un gran lavoro di squadra. “Oggi sono arrabbiato – prosegue – Non per la vittoria personale, ma perché la vittoria doveva premiare il lavoro di tutta la squadra, che ha lavorato sin dal primo chilometro. Una più o una meno, non cambia tanto, ma per la squadra era molto importante”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.