© LaPresse

Giro d’Italia, Indurain entra nella Hall of Fame

Il nome di Miguel Indurain entra nella storia del Giro d’Italia. Il due volte vincitore della Corsa Rosa è stato oggi premiato dagli organizzatori del Giro al Teatro Gerolamo di Milano  insignendolo della Hall of Fame del Giro d’Italia. Indurain ha conquistato la maglia rosa nel 1992 e nel 1993 diventando il primo corridore spagnolo a vincere la corsa ed è stato l’ultimo corridore a vincere per due anni consecutivi il Giro, ormai 25 anni fa, quasi un’altra epoca. Rimasto nell’immaginario collettivo come uno degli ultimi grandissimi del ciclismo internazionale, tra i pochi ad aver conquistato cinque volte il Tour de France, il corridore iberico viene dunque premiato con una cerimonia di grande impatto.

“Sono molto onorato di entrare a far parte di questa esclusiva famiglia del Giro d’Italia – spiega Indurain – Dopo 25 anni dalla mia ultima vittoria, nel 1993, mi fa molto piacere che gli organizzatori si siano ricordati di me. Con l’Italia ho sempre avuto un rapporto molto speciale. I tifosi mi hanno sempre sostenuto e i miei sponsor di quegli anni, a parte la Banesto, erano quasi tutti italiani come per esempio Pinarello e Sidi”

Spazio ovviamente anche ai ricordi, molti positivi ovviamente, ma anche momenti difficili. Tra questi, almeno sportivamente, sceglie di raccontare un aneddoto che riguarda la sconfitta al Giro 1994, quando si confrontò con due astri nascenti, Evgeny Berzin e Marco Pantani. “La tappa di cui ho un ricordo particolare è quella del 1994 da Merano ad Aprica in cui sono stato in fuga con Pantani. Dopo Stelvio e Mortirolo ho ripreso Marco al primo passaggio da Aprica, ma poi ho avuto una crisi di fame e sul Santa Cristina mi sono staccato. Cercavo di prendermi la Maglia Rosa che indossava Berzin (che poi quel Giro lo vinse) e ho dato tutto. Mi stavo giocando non solo una vittoria, ma tutto il Giro. È stata una tappa intensa, un susseguirsi di emozioni uniche anche se poi quel Giro poi non l’ho vinto. Questa corsa vive di passione ogni giorno, su ogni strada. È una grande festa del ciclismo”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seconda Tappa Giro di Svizzera 2019 LIVE Accedi
+