© QuickStep - Floors

QuickStep-Floors, Narvaez: “Ho sempre sognato di firmare con una squadra WT ed esserci riuscito mi riempe di gioia”

Jhonatan Narvaez è pronto per il salto fra i professionisti. Il giovane talento ecuadoriano dopo una stagione molto positiva alla Axeon Hagens Berman indosserà a partire dal prossimo anno la maglia della QuickStep – Floors. Lo stesso corridore di Quito in un’intervista a Ciclismo Internacional ha svelato alcuni retroscena sulla trattativa con la squadra belga: “Dopo aver vinto il Circuit des Ardennes Interional mi hanno detto che mi volevano nella squadra. Sono momenti come quelli che uno non scorderà mai. Da quando ho iniziato a correre il mio sogno è sempre stato quello di firmare con una squadra WorldTour. Esserci riuscito mi riempie di gioia”.

Narvaez però non si vuole accontentare e ora vuole alzare l’asticella: “Ho ancora più motivazioni di prima. Per un ciclista sudamericano è difficile firmare con una grande squadra rispetto ad un corridore proveniente dall’Europa. Ora voglio crescere passo dopo passo, lavorando duramente per poter arrivare in ottime condizioni alle prime corse europee”.

 


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

2 commenti

  1. Non c’entra con l’articolo, ma e’ un commento sulla fruibilità del sito.
    per arrivare a commentare, ho dovuto chiudere 5 finestre pop up ( 2 agenzie di scommesse, 2 auto e una riguardante una tv fighissima). Troppa pubblicità, al limite di innervosire il lettore. Quando ho iniziato a seguirvi, ormai 3 anni fa, il sito era piacevole nella sua consultazione. Adesso proprio no.
    Buon Natale.

    • Grazie per il feeback Alessio, ovviamente non è così che dovrebbe andare. Alcuni pop up si possono aprire, ma sono settati per creare disagio minimo (una volta al giorno per utente, che vedendola da lettore non sempre è pochissimo, lo comprendiamo, ma le necessità e l’evoluzione dell’advertising moderno portano a questo, nostro malgrado), non certo cinque volte in una sola visita. Puoi dunque darci alcune indicazioni riguardo il device con cui ti sei connesso (cellulare/computer, modello, browser ecc) per aiutarci a cercare di capire come mai c’è stata questa disparità tra la teoria e la pratica? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *