© Sirotti

Groupama-FDJ, i corridori riprendono ad allenarsi: “É difficile motivarli, ma la preparazione fatta lo scorso inverno non è scomparsa”

In questo periodo di stop delle corse, risulta difficile per i corridori allenarsi. Nella maggior parte dei Paesi le normative per prevenire il contagio da coronavirus non consentono agli sportivi, nemmeno ai professionisti, di allenarsi all’aperto. Per cui la molti corridori si stanno allenando in casa, utilizzando i rulli e piattaforme virtuali, che propongono anche alcune competizioni. Ovviamente la cosa più complicata per gli atleti è doversi allenare senza sapere quando e in che modo la stagione potrà riprendere e, di conseguenza, focalizzarsi su nuovi obiettivi. In seguito alle direttive del proprio paese, invece, la Groupama – FDJ aveva deciso di concedere uno stop completo ai propri atleti, ma ora la dirigenza ha deciso di far ripartire le sedute di allenamento.

A questo proposito è intervenuto Frédéric Grappe, preparatore capo della compagine transalpina e tra i massimi esperti al mondo: “In alcuni paesi, alcuni possono ancora uscire all’esterno, ma è stata effettivamente suggerita una pausa sportiva, che corrispondeva approssimativamente alle prime due settimane di quarantena. Alcuni non hanno fatto molto, altri hanno continuato a pedalare ma non c’era in ogni caso un programma preciso di allenamenti. Era molto libero. Per alcuni, è stata anche l’occasione per osservare una pausa dopo un inizio abbastanza intenso della stagione. Da lunedì abbiamo iniziato il nostro primo ciclo di lavoro, principalmente su un programma in casa, su strada per coloro che hanno l’autorizzazione a uscire. L’idea generale è di effettuare un primo ciclo di tre settimane, fino al 19 aprile, per mantenerli stimolati e rimetterli in una logica di lavoro da atleti di alto livello. Per coloro che negli ultimi 15 giorni non hanno fatto molto, sarà un programma di riavvio nella prima settimana, quindi aumenterà gradualmente il carico di allenamento nella seconda. La terza sarà un po’ più leggera per assimilare i primi quindici giorni”.

“Tuttavia, le risposte saranno molto personalizzate. Ad alcuni non piace affatto allenarsi coi rulli, altri hanno meno problemi. Alcuni possono allenarsi all’esterno, altri no. Bisogna destreggiarsi tra questi due parametri e crea molte difficoltà – ha spiegato – Gli allenatori devono farlo caso per caso, ma la linea guida è quella di continuare a stimolare l’atleta in modo che, quando sarà il momento, si possa ricostruire un programma di lavoro all’esterno e poi riprendere le competizioni all’inizio di giugno. Lo speriamo. Questo è l’obiettivo che dobbiamo impostare. E se non sarà così, ci adatteremo. La parola chiave per noi in questa situazione è motivazione. Non puoi far lavorare qualcuno se non è motivato. Questo è il punto focale di tutto e devi sapere come gestire l’equilibrio emotivo dell’atleta; il corridore attraversa periodi di lavoro con molti vincoli e poco piacere, a volte è quindi necessario iniettare piacere. Per ogni corridore, dobbiamo trovare il giusto equilibrio emotivo”.

In molti paragonano questo periodo con la pausa invernale, ma Grappe non è d’accordo: “Tutto ciò che i corridori hanno fatto da novembre a febbraio non è scomparso. Pensano, e sottolineo pensano, di aver perso molto. Questo può aggirarsi intorno al 10% ma a loro sembra enorme perché le loro sensazioni non sono più molto buone. Le corde si allentano leggermente, quindi sembrano non andare affatto bene. In realtà, se abbiamo effettuato misurazioni della qualità fisica, non perdono molto. L’idea è di mantenere le diverse capacità, perché alcune, come l’esplosività, possono essere lavorate su un istruttore domestico. Alcune caratteristiche saranno mantenute, altre diminuiranno leggermente, altre aumenteranno leggermente. Se riprenderemo la preparazione il 19 aprile, ci saranno logicamente grandi differenze tra gli atleti della squadra rispetto a una stagione normale”.

Infine non ha grandi preoccupazioni sul livello di preparazione in vista del Tour de France: “Se si potrà, ad esempio, tornare ad allenarsi su strada dal 15 aprile, in questo caso, secondo me, ci sarà un sacco di tempo per bilanciare i livelli in vista del Tour. Potrebbe essere più complicato se non si potrà andare su strada prima di metà maggio. Alcuni sono fortunati ad essere in grado di allenarsi in modo diverso rispetto ad altri, ma potrebbero esserci anche delle discrepanze. Quelli che possono uscire fuori oggi, potrebbero venire confinati domani. Idealmente, per il ciclismo, vorrei poter tornare su strada il più rapidamente possibile, ovviamente in base alle condizioni di salute. Ma prima torneremo su strada, più velocemente ci sarà un livellamento dei valori e speriamo tutti in un Tour con gli atleti al meglio della loro forma“.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.