Giro di Svizzera 2022, Remco Evenepoel: “Ho imparato molto questa settimana. Prima della Vuelta correrò solo San Sebastian”

Il Giro di Svizzera 2022 è stata una lezione importante per Remco Evenepoel. È così che il talento della Quick-Step Alpha Vinyl analizza la sua settimana elvetica, corsa alla quale era arrivato con grandi ambizioni, ma nella quale ha raccolto risultati lontani dalle sue aspettative, con la vittoria nella cronometro finale che gli ha comunque permesso di uscirne con una ennesima vittoria di prestigio a parziale riscatto. Il circuito di Vaduz ha infatti visto il belga trionfare per tre secondi su Geraint Thomas (Ineos Grenadiers) e sette su Stefan Kung (Groupama-FDJ), corridori che invece escono dalle otto tappe in grande forma e con il morale decisamente alto.

Questo è sicuramente un bel modo per finire questa corsa – ammette ai nostri microfoni dopo il traguardo – La vittoria è arrivata di poco, ma nella cronometro questo basta, quello che conta è aver fatto il tempo migliore degli altri. Sono sorpreso e impressionato dalla prova di Geraint, penso sia prontissimo per il Tour. Sembra fortissimo e sta molto bene. Sono fiero di essere riuscito a battere uno come lui”.

Riguardo il resto della settimana in cui le cose non sono propriamente andate come si aspettava, il 22enne fiammingo non nasconde gli errori, ma li vede come propedeutici nel suo percorso di apprendistato: “Ho imparato molto questa settimana, anche nella tappa in cui ho perso due minuti. Fisicamente e tatticamente quel giorno, anche come squadra, penso non abbiamo avuto la forza di prendere in mano la situazione per gestire le cose e da giornate come quella dobbiamo imparare. Forse avrei potuto chiudere sul podio senza quella giornata. È comunque qualcosa che porterò con me per il futuro. È stato importante aver chiuso questa settimana con una vittoria”.

Il classe 2000 delinea inoltre con noi il suo programma per i prossimi appuntamenti, con la Vuelta a España come grande appuntamento stagionale: “Parteciperò a entrambe le prove dei campionati nazionali, poi farò un mese senza corse, con un ritiro in altura a Livigno. Tornerò alle corse alla Clasica San Sebastian, sperando magari di vincerla di nuovo. Poi non credo correrò più fino alla Vuelta perché sento di andare meglio quando inizio fresco una corsa. Quindi per una corsa di tre settimane sarà importante iniziare il più fresco possibile, anche considerando che si deciderà nelle ultime due settimane. Ci concentreremo anche molto sulle cronometro, sia a livello personale che su quella a squadre”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Rispondi

Back to top button