© Sirotti

Deceuninck-QuickStep, programma light e senza pavé per Evenepoel

Per il momento niente pavé per Remco Evenepoel. Il fenomeno belga avrà un programma chiaramente più leggero rispetto a quello dei suoi compagni e tra i 55 giorni di corsa che la Deceuninck – QuickStep ha previsto per lui non ci saranno le pietre del nord. Negli obiettivi del team, che ha annunciato il suo debutto alla Vuelta a San Juan 2019, piuttosto l’intenzione di fargli provare le corse vallonate e alcune brevi corse a tappe, come Volta ao Algarve, Volta a Catalunya e Giro di Turchia. Appuntamenti comunque di buon livello, nei quali cominciare a muovere i primi passi di una carriera che si preannuncia straordinaria (e già lo è per precocità visto che il ragazzo passerà professionista ad appena 18 anni, primo duemila a farlo).

Niente Giro delle Fiandre o Omloop Het Nieuwsblad per me – spiega il duplice iridato juniores a Het Nieuwsblad – Mi concentrerò più sulle corse vallonate e sulle brevi corse a tappe. Non si possono paragonare le corse fiamminghe dei professionisti con quelle per juniores. È qualcosa di completamente diverso, non sarei in grado di fare la corsa”. Dominatore assoluto della categoria in uno sport in cui è arrivato solamente nel 2017 (in precedenza praticava calcio a buon livello nelle giovanili di Anderlecht e PSV Eindovhen), il figlio dell’ex professionista Patrick è lanciato verso il successo, ma sa che deve compiere un passo alla volta, cercando di non volerlo fare più lungo della gamba.

“Sono in una grande squadra e voglio vedere come andranno le cose – aggiunge – Non voglio farmi prendere dalla fretta e bruciarmi, i miei piedi sono ben piantati per terra“. Vincitore quest’anno di campionato nazionale, europeo e mondiale sia a crono che in linea, oltre che di corse importanti di categoria come Kuurne – Bruxelles – Kuurne, Giro della Lunigiana e Corsa della Pace, ha praticamente vinto dovunque è andato conquistando numerose vittorie, premi e riconoscimenti. Ovviamente numerosissimi gli attestati di stima, tra i quali quello di Eddy Merckx, al quale è stato chiaramente più volte paragonato: “Cosa potrei insegnargli ancora? Niente, può fare tutto“, ha commentato il Cannibale.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.