Vuelta a España 2020, Pascal Ackermann: “Non mi aspettavo di vincere ma se non c’è un buco dobbiamo fermarci”

Pascal Ackermann si è trovato a sorpresa sul gradino più alto del podio della nona tappa della Vuelta a España 2020. Il tedesco era stato battuto da Sam Bennett, ma la squalifica di quest’ultimo gli ha permesso di portarsi a casa la prima vittoria in questa edizione della corsa spagnola. Il velocista della BORA-hansgrohe non vinceva dallo scorso 8 settembre a Follonica in occasione della prima tappa della Tirreno-Adriatico. Si tratta anche della prima vittoria in assoluto alla Vuelta a España, essendo alla prima partecipazione.

Non mi aspettavo di vincere perché Sam era arrivato davanti, ma quando ho visto il video, ho notato non è stata un’azione giusta da parte sua – ha spiegato al termine della tappa – Dopo tutti gli incidenti delle ultime settimane, dobbiamo occuparci degli altri corridori. Se non c’è un buco, dobbiamo fermarci. Mi dispiace per Sam ma capisco perfettamente che dobbiamo correre in modo più corretto”

Archiviate le frasi di circostanza, c’è la felicità per la vittoria: “Sono davvero contento di questa vittoria. La mia squadra ha fatto un lavoro straordinario oggi e sono felice di dare qualcosa in cambio. L’ultima volta, abbiamo prestato troppa attenzione alla Quick-Step, quindi questa volta abbiamo fatto le nostre mosse e sono davvero molto felice di avercela fatta. L’ultima volta sono rimasto davvero deluso, abbiamo avuto tanta sfortuna nelle ultime settimane e ora ce l’abbiamo fatta“.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.