Vuelta a España 2018, Viviani inarrestabile: “Spero di vincere quattro tappe come al Giro”

Elia Viviani non sbaglia e torna all’incasso alla Vuelta a España 2018. Dopo aver alzato le braccia al cielo ad Alhaurin de la Torre ed essersi dovuto accontentare del terzo posto a San Javier, quando alcuni errori del suo treno gli hanno impedito di contrastare Nacer Bouhanni (Cofidis, Solutions Crédits), il velocista della Quick-Step Floors non ha avuto rivali sul traguardo di Bermillo de Sayago, sul quale ha preceduto con uno sprint di potenza il campione del Mondo Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) e Giacomo Nizzolo (Trek-Segafredo). Per il veronese di Isola della Scala è così maturato il diciassettesimo sigillo stagionale e il secondo nel GT iberico, al quale aveva partecipato finora soltanto una volta ottenendo come miglior risultato un secondo posto nella passerella finale di Madrid.

A caldo il campione italiano ha elogiato i compagni di squadra per il lavoro svolto: “Abbiamo controllato da subito la tappa, però sapevamo che la Bora poteva metterci in difficoltà perché con quella salita di cinque chilometri potevano provare a farlo. Abbiamo gestito bene quella parte e anche il finale. Abbiamo fatto un lead-out perfetto e sono veramente orgoglioso dei miei ragazzi. A quanti successi aspiro? Spero di arrivare a quattro anche alla Vuelta, come ho fatto al Giro d’Italia (nel quale si è portato a casa anche la maglia ciclamino della classifica a punti, ndr). Sto bene, vediamo giorno per giorno fin dove posso arrivare”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *