Vuelta a España 2018, lacrime di gioia per Woods: “Mai sofferto così tanto per una vittoria”

È stato un autentico numero quello realizzato da Michael Woods nella diciassettesima tappa della Vuelta a España 2018. Tra i componenti del folto gruppo che ha animato la frazione con arrivo sulla dura salita dell’Alto del Balcòn de Bizkaia, il portacolori della EF Education First-Drapac Cannondale ha resistito nel tratto più impegnativo dell’ascesa e, dopo essere rimasto in compagnia di David De La Cruz (Sky), Rafal Majka (Bora-Hansgrohe) e Dylan Teuns (BMC Racing Team) negli ultimi due chilometri, ha risposto a un’offensiva portata dal polacco allungando in contropiede nei 600 metri conclusivi. La sua azione è risultata decisiva e gli è valsa il primo successo in carriera in un GT, dopo il secondo posto ottenuto al Giro d’Italia 2018 nella frazione con arrivo a Caltagirone.

Il 31enne di Toronto, settimo in classifica generale un anno fa e reduce da un complicato periodo personale, con la moglie che non più tardi di due mesi fa ha dato alla luce un bambino nato morto, è scoppiato in lacrime subito dopo il traguardo e ha raccontato con grande emozione le fasi finali della tappa: “È come se mi avesse accompagnato lui verso l’arrivo. Gli dedico la vittoria. Per me è stata una stagione difficile, condizionata da molte cadute. Penso di non aver mai potuto dimostrare realmente il mio potenziale ed è stato bello riuscirci qui, dove mi piace particolarmente correre”.

Per Woods un’affermazione che assume un valore ancora più alto vista la composizione del drappello con cui si è avvantaggiato nella prima parte del percorso: “C’erano corridori come Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida), Bauke Mollema (Trek-Segafredo), Rafal Majka (Bora-Hansgrohe) e Dylan Teuns (BMC Racing Team). Non ho mai pensato che sarebbe stato facile batterli. Infatti non lo è stato, non mi era mai capitato prima di dover dar fondo a tutte le mie risorse per ottenere una vittoria“.

Il prossimo obiettivo è già delineato. L’ex Amore & Vita-Selle Italia dovrebbe infatti essere il capitano della selezione canadese nella prova su strada dei Mondiali di Innsbruck: “Non vedo l’ora che arrivi quel giorno. Il mio obiettivo è quello di sfruttare la Vuelta per presentarmi nelle migliori condizioni e spero di non aver speso troppe energie”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.