Giro d’Italia 2022, Presentazione Percorso e Favoriti Nona Tappa: Isernia – Blockhaus (191 km)

Il Giro d’Italia 2022 affronta la sua prima grande tappa di montagna. Dopo aver iniziato la settimana con l’Etna e affrontato due tappe movimentate, la nona giornata di corsa prevede la impegnativa Isernia – Blockaus, per un totale di 191 chilometri che promettono spettacolo. Due GPM in rapida successione caratterizzano infatti il finale di una giornata che presenta pochissima pianura anche prima, con l’accoppiata Passo Lanciano e Blockaus che si offre agli uomini di classifica, che dopo essersi controllati e studiati sull’Etna, questa volta dovranno necessariamente affrontarsi a viso aperto in una delle tappe più dure di questa edizione.

ORARIO DI PARTENZA: 11:35
ORARIO DI ARRIVO (PREVISTO): 16:53-17:36
DIRETTA TV E STREAMING: 11:30-14:00 RaiSport +HD / 14:00-17:15 Rai2 | 11:25-17:45 Eurosport 1 / 11:25-17:35 Eurosport Player, Discovery+ / 11:25-18:00 GCN
HASHTAG UFFICIALE: #Giro

Percorso Nona Tappa Giro d’Italia 2022

Subito dopo la partenza di Isernia il gruppo affronterà i primi dei 5000 metri di dislivello previsti nei 191 chilometri di giornata. La strada inizierà, infatti, a salire subito verso il Valico del Macerone (3,5 km al 5,4%, max. 9%), salita breve, ma che verrà affrontata subito velocemente dai tanti coraggiosi che vorranno provare ad entrare nella prima fuga di giornata. Dopo una breve discesa il gruppo tornerà a salire verso Rionero Sannitico (10,1 km al 6%, max. 10%). Questa lunga ascesa non sarà seguita da un’altrettanto lunga discesa: i corridori, infatti, rimarranno in quota per salire poi verso Roccaraso (7,7 km al 6%, max. 10%). In soli 37 chilometri di tappa ci saranno, quindi, un GPM di terza categoria e due di seconda.

La strada sarà, poi, quasi tutta a favore fino al traguardo volante di Filetto, dopo poco più di 100 chilometri di corsa. A quel punto però la montagna della Maiella incomberà già sui corridori. Dopo qualche altra pedalata in valle, infatti, la strada si impennerà di nuovo: il gruppo, salirà fino al Passo Lanciano (10,3 km al 7,6%, max. 14%), vicino alla Cima del Blockhaus. Dopo l’inizio di salita a Roccomontepiano i primi due chilometri saliranno al 5%. Il tratto più impegnativo arriverà dopo un chilometro di strada a favore: nei 3 successivi, infatti, la strada salirà al 9%, con una punta massima al 14%; nei chilometri finali, poi, l’ascesa continuerà regolare al 7% fino alla cima.

Il gruppo, che a questo punto dovrebbe già essere fortemente scremato, scenderà poi fino a Scafa: da qui al traguardo mancheranno poco più di 25 chilometri, ma tutti in salita. La strada andrà, infatti, già all’insù fino a Roccamorice, dove sarà posto il secondo traguardo volante di giornata. Da qui comincerà la salita finale fino al Blockhaus: 13 chilometri con una pendenza media dell’8,4%. Gli ultimi dieci chilometri saranno molto impegnativi, con una pendenza media del 9,4%; il tratto più impegnativo sarà dentro gli ultimi 5, dove la strada toccherà una punta massima al 14%, ma per i corridori ci sarà poco respiro sulle rampe che nel 2017 videro trionfare Nairo Quintana. Solo nell’ultimo chilometro la pendenza si addolcirà decisamente, ma a quel punto la selezione sarà già stata fatta.

Salite Nona Tappa Giro d’Italia 2022

NOME CAT QUOTA KM INIZIO LUNGHEZZA DISL % MED % MAX
Valico di Macerone 3 684 4,8 1,3 3,5 189 5,4% 9%
Rionero Sannitico 2 1032 18,4 8,3 10,1 611 6,0% 10%
Roccaraso 2 1254 38,2 30,5 7,7 463 6,0% 10%
Passo Lanciano 1 1310 145,7 135,4 10,3 786 7,6% 14%
Blockhaus 1 1665 189 175,4 13,6 1141 8,4% 14%

Favoriti Nona Tappa Giro d’Italia 2022

Dopo le schermaglie sull’Etna, domani gli uomini di classifica saranno chiamati a darsi battaglia, con la lotta per la Maglia Rosa pronta ad entrare nel vivo. Gli occhi di tutto il gruppo sono puntati, quindi, su Richard Carapaz (Ineos Grenadiers): il campione olimpico per ora è sembrato tra i più pimpanti in questa edizione della Corsa Rosa, ma domani dovrà dare una grande dimostrazione di forza su pendenze che dovrebbero esaltare le sue caratteristiche. Ad aiutarlo ci sarà una squadra molto forte, con Pavel Sivakov e Richie Porte che dovranno supportarlo in salita il più a lungo possibile.

Se si parla di scalatori, attenzione anche a Simon Yates (BikeEchange-Jayco). Il britannico sull’Etna ha sofferto forse un po’ le conseguenza della caduta che lo ha coinvolto in quella giornata, ma è riuscito ad arrivare con i migliori e domani avrà tanto terreno per provare a mettersi in mostra: la condizione c’è e anche la classe non manca. Occhi puntati pure su Romain Bardet (DSM): il francese dopo il successo nell’impegnativo Tour of the Alps è uno dei più attesi sulle salite di questo Giro d’Italia. Il transalpino potrà contare anche sul grande supporto del compagno di squadra Thymen Arensman (DSM), lui stesso grande protagonista della corsa euroregionale.

Le pendenze del Blockhaus, poi, dovrebbero sorridere anche a Mikel Landa (Bahrain Victorious): il basco per il momento si è soprattutto nascosto in mezzo al gruppo, ma domani sarà una tappa importante per iniziare a capire se potrà veramente ambire alla Maglia Rosa. Simbolo del primato che, per il momento, è sulle spalle di Juan Pedro Lopez (Trek-Segafredo): non è detto che il giovane iberico vada completamente alla deriva domani viste le qualità in salita, anche se la squadra vorrà proteggere soprattutto Giulio Ciccone che ci tiene a fare bene sulle strade di casa. L’abruzzese potrebbe anche sfruttare il ritardo accumulato dai favoriti nella cronometro in Ungheria per provare a ritagliarsi un po’ più di spazio personale. Discorso che vale anche per Ivan Sosa (Movistar), chiamato domani a dimostrare il suo effettivo valore.

All’interno dello squadrone spagnolo, però, le gerarchie non sono state ancora del tutto stabilite, con Alejandro Valverde (Movistar) che potrà testarsi in un arrivo impegnativo e capire che direzione dare alla sua Corsa Rosa. Ragionamento che vale anche per Pello Bilbao (Bahrain Victorious): per il momento è il migliore in classifica della sua squadra e domani sarà una giornata importante per provare a decidere come proseguirà il Giro d’Italia della formazione emiratina. Tra i pretendenti alla Corsa Rosa attenzione poi anche a Joao Almeida (UAE Team Emirates) che, però, domani potrebbe soffrire sulle impegnative rampe della salita abruzzese.

Dovranno poi iniziare a mettersi in mostra anche Hugh Carthy (EF Education-EasyPost) e il trio della Bora – Hasngrohe formato da Emanuel Buchman, Wilco Kelderman Jai Hindley: anche per questi corridori la frazione di domani darà indicazioni importanti su quali potrebbero essere le loro ambizioni a questo Giro d’Italia. Da capire, poi, anche come avrà recuperato Guillaume Martin (Cofidis) dopo il grande sforzo di oggi. Test importante, infine, anche per Vincenzo Nibali (Astana Qazaqstan) che domani potrebbe dare una svolta all’ultimo Giro della sua carriera.

Non è, però, da escludere che la vittoria di tappa possa anche andare ad uno scalatore uscito di classifica e che tenterà la sorte inserendosi in una fuga da lontano: attenzione, quindi, ai vari Jonathan CaicedoDiego Camargo (EF Education-EasyPost), Remy Rochas (Cofidis), Lorenzo Fortunato (Eolo-Kometa), Eduardo Sepulveda Jefferson Cepeda (Drone Hopper-Androni Giocattoli), Santiago Buitrago (Bahrain-Victorious), Harold Tejada (Astana Qazaqstan) e James Knox (Quick-Step Alpha Vinyl).

Borsino dei Favoriti Nona Tappa Giro d’Italia 2022

***** Richard Carapaz
**** Romain Bardet, Simon Yates
*** Giulio Ciccone, Mikel Landa, Ivan Sosa
** Joao Almeida, Pello Bilbao, Hugh Carthy, Alejandro Valverde
* Thymen Arensman, Emanuel Buchmann, Wilco Kelderman, Jai Hindley, Guillaume Martin

I ciclisti più popolari su Zweeler Nona Tappa Giro d’Italia 2022

Per avere dei parametri su cui basare le vostre scelte per il fantaciclismo o per altri giochi, vi proponiamo uno schema con i corridori selezionati dalla maggior parte degli utenti iscritti a Zweeler per l’Nona Tappa del Giro d’Italia 2022. Chi tra i nostri favoriti ha goduto di una maggiore fiducia dagli appassionati? Da qualche outsider si attende un risultato a sorpresa? Tra i corridori che non abbiamo accreditato del ruolo dei favoriti, qualcuno ha invece suscitato l’interesse degli appassionati? Potete anche provare a sfidare le centinaia di partecipanti da tutto il mondo che partecipano al popolare gioco.

Partecipare costa 5,00 € per squadra e comincerà con un montepremi minimo di 600,00 €. Il premio per il vincitore sarà di 108,54 €.

Meteo Previsto Nona Tappa Giro d’Italia 2022

Nessuna descrizione disponibile.

Maggiori insidie Nona Tappa Giro d’Italia 2022

A dare i maggiori problemi ai corridori domani saranno le ripide rampe delle due salite finali, ma attenzione anche al dislivello complessivo di 5000 metri. Quella di domani sarà, infatti, la prima tappa di alta montagna di questa edizione della Corsa Rosa e qualcuno potrebbe pagare una condizione non ottimale. Attenzione poi alla partenza subito molto impegnativa che potrebbe mettere in difficoltà più di qualche corridore, a partire dai velocisiti.

Altimetria e Planimetria Nona Tappa Giro d’Italia 2022

Cronotabella Nona Tappa Giro d’Italia 2022

Partecipa al Fanta Giro d'Italia e scegli la tua squadra per la 16ª tappa. Montepremi minimo di 500 euro!

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button