Giro d’Italia 2021, Victor Lafay: “Quando ho allungato e ho visto che nessuno mi seguiva mi sono meravigliato”

Non poteva sperare in un palcoscenico migliore Victor Lafay per conquistare la prima vittoria della sua carriera. Il francese della Cofidis si è infatti imposto nell’ottava tappa del Giro d’Italia 2021 al termine di una lunga fuga con altri otto corridori fuoriuscita circa 50 chilometri dopo la partenza da Foggia. Il 25enne, che quest’anno aveva già sfiorato il successo nella terza frazione della Volta a la Comunitat Valenciana, ha attaccato sulla salita finale che portava al traguardo di Guardia Sanframondi, raggiungendo Giovanni Carboni (Bardiani-CSF-Faizané), che aveva allungato in precedenza. Lafay ha poi saltato agevolmente l’italiano a circa 2000 metri dall’arrivo involandosi verso il traguardo, dove è giunto a braccia alzate.

Avevo speso molte energie già nella prima parte di tappa per entrare nella fuga – ha dichiarato il corridore transalpino – Ci sono stati vari tentativi ma il gruppo non lasciava molto spazio. Poi finalmente la fuga è partita e dopo un po’ il gruppo ci ha lasciato fare. A quel punto ho potuto recuperare un po’ di energie. Nel finale ci sono stati diversi attacchi. Quando ho allungato e ho visto che nessuno mi seguiva mi sono meravigliato. Non riesco ancora a credere di aver vinto una tappa al Giro!”

“È stata una giornata molto dura e non è stato facile prendere la fuga – ha proseguito il 25enne – Ho cercato di rimanere il più concentrato possibile: sapevo che non c’erano scalatori puri in fuga. Ho attaccato a due chilometri dal traguardo e ho preso vantaggio. Faccio ancora fatica a rendermene conto, è pazzesco!“, ha concluso, entusiasta, Lafay.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Rispondi

Back to top button