Giro d’Italia 2021, Egan Bernal: “La schiena sta benissimo, non mi ha mai dato fastidio”

Egan Bernal soddisfatto delle sue prime giornate al Giro d’Italia 2021. Pienamente consapevole che il primo test davvero probante è oggi, il colombiano ha comunque chiuso la frazione di ieri con delle buone sensazioni, soprattutto per quanto riguarda le condizioni della sua tanto discussa schiena. Arrivato alla Corsa Rosa con un alone di dubbio riguardo la sua lunga assenza dalle corse, il leader della Ineos Grandiers non ha brillato nella cronometro di apertura, ma si presenta comunque  alla prima frazione in cui ci si attende confronto fra i big con un buon morale, rafforzato dalle buone sensazioni avute in queste prime frazioni.

“La schiena sta benissimo e non mi ha mai dato fastidio – commentava ieri al termine della terza tappa – Ovviamente, devo continuare a sperare che non mi faccia male, ma qui abbiamo davvero un bel gruppo e devo dire che sono molto contento. Al Giro bisogna sempre stare molto attenti per cercare di non perdere tempo. La stiamo affrontando giorno per giorno e dobbiamo restare molto concentrati. Oggi (ieri, ndr), è stata una buona tappa per noi, abbiamo evitato le cadute e non abbiamo mai perso. È andata molto bene”.

30° a 42 secondi dal compagno di squadra Filippo Ganna, il vincitore del Tour de France 2019 è comunque ovviamente consapevole che la giornata di oggi sarà un test importante e si aspetta bagarre, anche fra gli uomini di classifica: “Penso che si comincerà a vedere un po’ di bagarre perché è una tappa abbastanza complicata. Se una squadra vorrà muoversi e qualcuno vuole fare la corsa dura c’è modo di farlo e si può anche creare qualche distacco”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.