Giro d’Italia 2020, Mauro Vegni dopo la positività di Simon Yates al Covid-19: “Nessuno è immune, l’importante fare subito screening per evitare la diffusione del virus”

Il Giro d’Italia alle prese con il Covid-19. Il virus che sta sconvolgendo le nostre vite continua a colpire anche il mondo del ciclismo, sin dallo scorso febbraio, quando lo UAE Tour fu fermato per alcune positività e assegnato ad Adam Yates, che era in testa alla generale prima delle tappe annullate. Se Adam è stato il primo a vincere una corsa fermata dal coronavirus, il fratello gemello Simon è diventato quest’oggi il primo corridore ad abbondare un GT a causa del virus. Il direttore del Giro Mauro Vegni, pur dicendosi dispiaciuto per il corridore, ha sottolineato che nessuno è immune, ma è importante testare subito.

Come ho sempre detto, nessuno può considerarsi immune – ha esordito ai microfoni di EurosportL’unica cosa che tengo a dire è che avere a seguito tamponi e un medico che possa fare subito screening aiuta sicuramente a evitare la diffusione del virus. Chiaro che dispiace perché perdiamo un altro ipotetico protagonista, ma tra domenica e lunedì faremo controlli a tutte le squadre. Tra ieri e stamane abbiamo testato la Mitchelton e sono risultati tutti negativi tranne Simon che evidentemente aveva problemi da qualche giorno. Il tema, ribadisco, è quello di effettuare immediatamente i controlli per evitare che il virus si espanda ad altre persone”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.