Giro d’Italia 2020, il direttore Mauro Vegni furioso: “La storia non finisce qui. Qualcuno pagherà”

Mauro Vegni non accetta la protesta dei corridori al Giro d’Italia 2020. Il direttore ha usato parole durissime nei confronti dei partecipanti alla corsa rosa, che questa mattina hanno deciso improvvisamente di chiedere la riduzione della tappa da Morbegno ad Asti, la diciannovesima della competizione, che misurava 258 km. Dopo una breve trattativa, si è deciso di far ripartire la tappa da Abbiategrasso, con circa 124 chilometri da percorrere. Il Grand Tour quindi ha subito una nettissima diminuzione del chilometraggio, dovuta al timore dei corridori di pedalare sotto la pioggia per diverse ore. Ma l’organizzazione non ha accettato serenamente questa protesta.

Abbiamo subito la decisione, non l’abbiamo accettata – ha tuonato il direttore del Giro d’Italia 2020 Mauro Vegni – Chiudiamo il Giro, ma a bocce ferme qualcuno pagherà anche questo. Avevamo già dimostrato altre volte che sappiamo riorganizzarci, ma questo non toglie il rammarico e la brutta figura che oggi abbiamo fatto come ciclismo dopo tutto quello che abbiamo fatto per organizzare questo Giro e portarlo a Milano. Questa brutta figura cancella tutto il lavoro fatto“.

La questione meteo non è stata giudicata abbastanza per giustificare questa protesta: “Per essere ottobre è andata bene, sapevamo da un anno che ci sarebbe stata una tappa di 250 km. Non fa freddo, c’erano 13 gradi stamattina. Non c’era nessun presupposto per fermarsi. Gran parte dei corridori non era d’accordo. Ma come al solito, basta che qualcuno dica qualcosa tra i corridori e si ferma tutto. Io ho scoperto la cosa stamattina, a me non è arrivata nessuna richiesta. Ho parlato con uno o due corridori della Lotto Soudal, e tra l’altro l’unico bus che mancava era della Lotto. Non c’è più dialogo tra corridori e squadre, ma se fossi un datore di lavoro e un mio dipendente si comportasse così mi farei delle domande”.

Vegni ha poi concluso con una considerazione amara: “Non può esserci un tavolo di trattativa a un quarto d’ora dalla partenza. O fermi la corsa o parti con quattro persone facendo comunque una brutta figura. La storia non finisce qui, arriviamo a Milano e qualcuno pagherà“. Parole che di certo non spengono l’enorme eco di polemiche che nascerà da questa giornata.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

2 commenti

  1. penso che dopo quanto successo stamattina ,oltre che farmi confermare che il ciclismo non può essere più considerato sport per persone “con le palle”; mi dia la possibilità di chiedere ai telecronisti di non continuare più a elogiare la forza di volontà dei corridori. Quanto dichiarato dal signor Bugno penso basti il suo arrampicarsi sugli specchi ,il rispetto dei lavoratori non passa solo per i diritti ma anche attraverso l’onorare gli impegni presi perchè comunque già protetti ,giustamente .

  2. Al sig. Mario Vegni chiedo che porti a termine quanto detto,e cioè che finito il giro a Milano chi deve pagare paghi,nel vero senso della parola.io certi ciclisti e le loro squadre non voglio più vederle correre in Italia.Vadano a correre a luglio con le mutandine bianche e gli ombrelloni da sole.Oggi qualcuno ha mancato di rispetto agli italiani,dal più piccolo al più grande,loro si che hanno aspettato sotto la pioggia,delle marionette.poi ho notato che qualcuno in gruppo da un po’di tempo cercato di screditare nostro giro.oggi tutto il gruppo si è coperto di vergogna,e dico tutti perché ognuno tentava di non screditare l altro,dimostrando così di non avere nessun attributo in mezzo le gambe.oggi si è vergognato coppi,Bartali e tutti quelli che in questi anni hanno corso in ben’altre situazioni.ma quelli erano uomini.bene ha fatto la de Stefano a mandare a quel paese quel signore vergognoso che continuava a difendere l’indifendibile, È sono una vergogna tutti coloro che non hanno il coraggio di fare nomi e cognomi,dimettetevi.siete la rovina del ciclismo se non addirittura la morte.io non conosco il sig. Vegni,ma chapo a chi in un momento così difficile a organizzato un così importante evento sportivo.per tutti quelli che oggi sotto la pioggia aspettavano mi auguro che lei faccia veramente quello che ha detto.e per tutte le marionette di oggi,cambiate mestiere,oggi non c’ era nulla che metteva a repentaglio la vostra sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.