© pocispix

Wilier-Selle Italia, Pozzato torna dalla sua vecchia fiamma: l’hockey su pista

In attesa di decidere il proprio futuro ciclistico, Filippo Pozzato torna al suo primo amore. Ancora incerta la sua scelta riguardo il 2019 – se continuare con Angelo Citracca e Luca Scinto, trovare altre soluzioni o appendere la bici al chiodo – il corridore di Sandrigo ha indossato i pattini ed è sceso in pista per una giornata di vecchia passione. Come già successo lo scorso inverno, il 37enne vicentino è così tornato all’Hockey, specialità che aveva praticato con buoni risultati da bambino e ragazzo nel suo paese natale prima di scegliere il ciclismo.

Una passione mai tramontata, dalla quale è stato lontano per anni, ma alla quale si è riavvicinato la scorsa stagione praticandolo nuovamente con gli amici del paese (la squadra di Sandrigo vanta una lunga tradizione ed è tornata quest’anno in serie A1). “Io per l’hockey pista vado matto, sin da quando avevo 4 anni – raccontava ad inizio 2018 alla Gazzetta dello Sport – Mia madre si ricorda ancora di quando, da bambino, avevo la varicella e ho sfasciato mezza casa a forza di tirare la pallina col bastone contro il muro. Ho giocato fino a 12 anni, per un po’ ho alternato hockey e ciclismo, finché i miei mi dissero che non potevo tenere i piedi in due scarpe e dovevo scegliere”.

Tra i suoi sogni nel cassetto anche quello di poter aiutare il club di Sandrigo in qualche modo. E chissà che questa giornata non possa dunque anche essere stato qualcosa in più del solo divertimento. “Magari mi inventerò qualcosa” anticipava nei mesi scorsi… Ma prima di tutto c’è una carriera ciclistica da definire.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.