© Meridiana Kamen

Meridiana Kamen, Davide Rebellin continua: “Troppo forti le emozioni, ho deciso di correre ancora”

Davide Rebellin non smette con i Campionati Italiani 2019. Se inizialmente la prova in linea di Compiano doveva essere l’ultima corsa di una lunga carriera da professionista, l’impressione che potesse cambiare idea era emersa con sempre maggiore insistenza nelle ultime settimane. Con la voglia di correre ancora su grandi palcoscenici malgrado l’età e un nuovo progetto Professional che potrebbe permettergli di coronare queste sue ambizioni, il 47enne di San Bonifacio ha confermato oggi la sua intenzione di onorare sino alla fine dell’anno il suo contratto con la Meridiana Kamen, formazione in cui è ritornato il mese scorso, non solo dunque per chiudere la sua carriera alla rassegna tricolore.

“Un grazie di tutto cuore ai tanti tifosi che mi hanno sostenuto oggi al campionato Italiano – scrive sui social, commentando innanzitutto la sua prova in una corsa difficile, conquistata da Davide Formolo in un clima torrido – È stata una gara impegnativa, per il caldo e tirata fin dall’inizio. Sono comunque soddisfatto del mio 18esimo posto”.

In seguito, la risposta alla domanda che in molto si (e gli) pongono: “Siete tanti a chiedermi se questa è stata la mia ultima gara o se continuo. Sono troppo forti le emozioni e il calore che mi trasmette ed è troppo forte in me la voglia di continuare per ricambiare questo amore, per prendermi ancora qualche bella soddisfazione e trasmetterla anche a voi. Quindi ho deciso di correre ancora😊 perché solo all’idea di gareggiare sento il mio cuore vibrare. Grazie ancora!”

 

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.