Mondiali Pista 2022, Elia Viviani: “Adesso mi godo questa vittoria: la fine della stagione è arrivata”

Dopo la giornata difficile di ieri Elia Viviani oggi si è rifatto ai Mondiali su Pista 2022. L’azzurro era stato il primo a dirsi deluso del settimo posto ottenuto nell’Omnium, ma aveva dato appuntamento ad oggi per la Corsa a Eliminazione e non ha tradito le attese. Il veronese, infatti, ha bissato il titolo iridato conquistato un anno fa in una corsa in parte condizionata anche da alcune cadute, chiudendo nel migliore dei modi la spedizione azzurra al velodromo di Saint-Quentin-en-Yvelines. Dopo aver già conquistato il titolo europeo nella stessa specialità, il classe 1987 si conferma così il punto di riferimento di questa gara.

Mi sentivo molto bene – ha dichiarato il campione olimpico nell’Omnium di Rio 2016 prima della premiazione – Ho fatto del mio meglio. Ad essere onesti è stata una corsa abbastanza pericolosa, con alcune cadute, ma le ho evitate. All’ultima volata sono stato concentrato solamente sul vincerla, davanti alla mia seconda famiglia, la nazionale italiana, e con la sorpresa di mio fratello qui. Devo congratularmi con tutti i fan francesi, perché non ho mai visto un’atmosfera come questa: sono contento di vedere che queste persone sono venute ad assistere a questo show. Adesso mi godo questa vittoria: la fine della stagione è arrivata“.

In seguito il nativo di Isola della Scala ha raccontato la volata finale in cui ha avuto la meglio sul neozelandese Corbin Strong: “Volevo guadagnare in rettilineo, perché la mia impressione era che in curva non si riuscisse a passare. Per questa ragione ho anticipato lo sprint, anticipando Strong. E’ andata come pensavo. Finire così la stagione è veramente bello, volevo chiudere con una medaglia“.

L’ultima gara dell’anno offre al portacolori della Ineos Grenadiers anche la possibilità di un bilancio complessivo; se su pista sono arrivati degli ottimi risultati, invece su strada il campione europeo del 2019 ha ottenuto solo due vittorie in corse secondarie: “La stagione su strada è stata negativa, avrei dovuto vincere delle corse di prima fascia, ma ci lavorerò. Ora ripartiamo da questa pista con obiettivo Parigi 2024, l’Italia conta su un grande gruppo

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio