© TeamSky / GettyImages

Team Sky, Geoghegan Hart: “Ho fatto alcuni errori in allenamento quest’anno”

Tao Geoghegan Hart è stato una delle rivelazioni di questa stagione. Il corridore del Team Sky è stato tra i protagonisti al Tour of California 2018, corso in appoggio a Egan Bernal. Nella competizione statunitense il britannico avrebbe potuto lottare per il podio finale, se non avesse perso terreno in una tappa pianeggiante a causa di un frazionamento in gruppo dovuto a una caduta. Arrivato poi al Giro del Delfinato 2018 per fare da scudiero a Geraint Thomas, si è rivelato molto utile al fianco del gallese, che ha conquistato la maglia gialla. Non è stata altrettanto esaltante la sua esperienza alla Vuelta a España, dove non è riuscito a mettersi in mostra.

Il classe ’95 ha raccontato i momenti migliori della sua stagione a Cyclingweekly: “In California è stato grandioso. Non ho ottenuto il podio della generale solo per il tempo che ho perso rimanendo dietro una caduta in una tappa per velocisti. È stato deludente, ma con la vittoria di Bernal non è stato così male. Anche il Delfinato è andato bene, come l’ultima tappa della Colombia Oro y Paz in cui io e Sebastian Henao eravamo nella fuga e ci siamo fatti staccare per aspettare Bernal, che aveva attaccato dal plotone, e abbiamo vinto la classifica generale”.

Non è stata altrettanto positiva l’esperienza alla Vuelta a España 2018: “Il risultato non è stato quello a cui puntavo mentre preparavo la corsa, avevo aspettative e obiettivi più alti. Comunque ho imparato alcune lezioni importanti, soprattutto su come approcciarsi ai Grand Tour. Ora per esempio so che sbagliavo a idratarmi nei giorni più caldi. Era il più grande obiettivo della stagione e non è andato come previsto, quindi lascia un po’ di amaro in bocca”.

Geoghegan Hart prosegue con qualche considerazione generale: “So di aver fatto alcuni gravi errori durante allenamenti, su quando riposarmi, quando spingere, e come organizzare i blocchi di allenamento durante l’anno. Ogni anno impari di più su come funziona il tuo corpo. La cosa più importante è non ripetere gli stessi errori. Se continui a migliorare poco alla volta puoi trovarti a un livello molto più alto quando tutti i pezzi vanno insieme. Questo è ciò che spero di raggiungere”.

Infine qualche battuta su Egan Bernal: “C’erano solo uno o due corridori al mondo più forti di lui quest’anno. È speciale lavorare per lui nelle grandi corse in cui ha vinto o fatto bene. Allo stesso modo, mi ha sempre supportato quando ho avuto opportunità di correre per la vittoria. Ma non descrivere il nostro rapporto come amicizia tra rivali”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.