Movistar, Matteo Jorgenson: “Dopo Roubaix nel mio sangue batteri che si prendono solo ingerendo feci animali”

Matteo  Jorgenson si è portato dietro per un po’ la giornata infernale della Parigi-Roubaix. Dopo una giornata passata a “ingoiare fango e sterco di mucca”, mentre davanti la gloria andava a Sonny Colbrelli, il corridore della Movistar aveva subito raccontato il suo personalissimo “Inferno del Nord”, scusandosi anche con chi aveva dovuto assistere a scene sicuramente non adatte ai deboli di stomaco. Lo statunitense, però, è stato male anche nei giorni seguenti e, dopo alcune analisi, nel suo sangue sono stati trovati dei batteri che possono arrivare nell’organismo solo tramite feci animali e che hanno gli causato delle infezioni che si è portato dietro per un po’.

“Non so cosa sia successo – ha rivelato a Cyclingweekly – So che subito dopo sono stato malissimo e, fortunatamente, c’è una dottoressa che vive al piano terra nel mio condominio. Una notte, alle 3, non riuscivo a dormire e la febbre mi saliva sempre di più, così sono sceso, ho suonato il suo campanello e le ho detto che mi serviva aiuto. Mi ha fatto delle analisi del sangue e ha trovato dei batteri, molti erano batteri animali. Mi ha diagnosticato una malattia che si presenta solo se qualcuno si inietta o mangia feci animali. Mi ha dato degli antibiotici che hanno funzionato, ma avevo ancora delle infezioni dopo la Roubaix”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button