© LaPresse / Ferrari - Paolone

Milano-Sanremo 2019, Nibali: “Stesse aspettative di un anno fa, mi colloco alle spalle dei grandi favoriti. Non sottovalutate Valverde”

Vincenzo Nibali va a caccia di una difficilissima impresa alla Milano-Sanremo 2019. Dopo aver sorpreso tutti con un attacco violento a metà della salita del Poggio un anno fa, che gli ha permesso di guadagnare un discreto vantaggio allo scollinamento e di difenderlo nel successivo tratto in discesa fino al trionfo di via Roma, l’alfiere della Bahrain-Merida proverà a ripetersi domani nella Classica più incerta e impronosticabile tra le Monumento, alla quale si presenta con una condizione in divenire e sulla scorta di una Tirreno-Adriatico che ha corso esclusivamente in preparazione del Giro d’Italia. Alla vigilia di quella che è ad oggi l’ultima gara ad aver vinto, lo Squalo si è così soffermato in conferenza stampa.

L’anno scorso non eri tra i favoriti, ma poi hai vinto. Il fatto di avere già vinto come ti fa arrivare alla corsa?
Cambia poco, arrivo più o meno con le stesse aspettative. Anche in passato avevo provato tante volte da lontano, conquistando il podio, ma non la vittoria. Quest’anno ci sono tanti favoriti come Alaphilippe, Kwiatkowski, Sagan e Viviani, che hanno cinque stellette. Io sono uno di quei corridori che si posiziona subito dietro. Il copione resta quello dell’anno scorso: in caso di sprint finale saremo tutti per Colbrelli, in caso di grandi movimenti prima sicuramente io e Mohoric siamo i corridori più quotati per seguire gli attacchi da lontano.

Meglio una gara tirata dall’inizio o una gara tattica nel finale?
Questo non lo possiamo prevedere, non possiamo sapere come sarà disputata la corsa. La tattica gioca ruolo importante, ma ancora più importante è arrivare con delle buone energie nel finale.

Tanti corridori hanno vinto in età avanzata: questa statistica ti incoraggia?
La Sanremo è una corsa che richiede prima di tutto esperienza e nel corridore stesso richiede molto fondo. Ovviamente un corridore un po’ più maturo ha tutte e due queste cose. Fa sempre piacere vivere questa corsa, per me come per tanti altri. Vincere due volte consecutivamente penso che sia molto difficile, già è difficile riuscirci una. Cipollini ci ha messo qualcosa come 10-12 volte per farcela.

Il fatto di aver già vinto con un attacco ti fa vivere più fiducioso nel fatto che questo sia possibile?
Se c’è l’opportunità di attaccare per me è normale provarci sul Poggio o la Cipresa, molto meglio il Poggio. Non abbiamo ancora parlato della tattica. Non so come stia Colbrelli, il nostro velocista di riferimento, e bisognerà vedere anche l’andamento della corsa.

Un corridore di cui non si è parlato ma che pensi possa fare bene domani?
Non si è parlato di Valverde, ma è un corridore che se viene per correre la Milano-Sanremo lo farà nel migliore dei modi.

Dopo la tua vittoria dell’anno scorso sei stato sommerso da molto affetto: a cosa pensi sia dovuto?
A diversi fattori, la Milano-Sanremo mancava da tanto tempo in Italia. In tutti questi anni, comunque, in qualche modo ho saputo costruire e regalare un po’ di emozioni ai fan. Quindi so che i tifosi si aspettano qualche successo da me. Ricordo anche al Giro un affetto simile, non solo quando ho vinto ma anche quando sono stato male e le cose non andavano come volevo. Molti ci sono stati sia nella vittoria della Milano – Sanremo, ma anche nella sconfitta.

Qual è il meteo ideale per te?
Ho visto il meteo e dovrebbe essere buono. Ma questo non cambierà le tattiche di corsa. Con le condizioni avverse posso avere una buona giornata, ma non è sempre così. L’anno in cui fece molto freddo alla Milano-Sanremo, con la neve, fu una giornata durissima…

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scegli 20 corridori, costruisci la tua squadra per il Tour de France e vinci parte del montepremi di 31.000€!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.