Memorial Pantani 2018, corsa d’attacco per Nibali: “Buon test in una corsa esigente”

Arrivano segnali positivi per Vincenzo Nibali al termine del Memorial Pantani 2018. Il siciliano della Bahrain-Merida, ancora in cerca del giusto colpo di pedale per il Mondiale di Innsbruck 2018, è apparso in crescita, risultando tra i più brillanti in salita e attaccando a circa due chilometri dall’arrivo con l’intenzione di evitare la volata. Alla fine ha dovuto arrendersi al ritorno degli uomini dell’Androni-Sidermec a cavallo dell’ultimo chilometro, ma la sensazione è quella che la condizione stia pian piano tornando quella dei tempi migliori, con la speranza di poter essere competitivo in Austria domenica prossima.

È stato un buon test in una corsa molto esigente – ha ammesso Nibali – Alla fine il ritmo era molto elevato ed era difficile evadere dal gruppo, ma ho comunque voluto provare ad attaccare e cercare di anticipare i più veloci uomini dell’Androni”.

Ottime sensazioni anche per Domenico Pozzovivo, molto attivo nelle varie scalate a Montevecchio, che in questi giorni si è meritato la convocazione per Innsbruck a suon di prestazioni convincenti: “Dopo il mio buon terzo posto al Giro di Toscana, ho provato a fare la corsa e ad attaccare per testare un po’ le sensazioni – ha dichiarato il lucano – Posso dire che l’esame è superato e sono pronto per l’avventura con la maglia della Nazionale italiana“.

Infine un altro probabile azzurro, Franco Pellizotti, si è piazzato sesto, confermando comunque la sua solidità e buono stato di forma: “Era l’ultima gara prima del Mondiale ed era importante avere le risposte giuste – ha ammesso il Delfino di Bibione – Nell’ultima salita eravamo in tre su otto della nostra squadra, quindi un buon segnale. Personalmente ho finito la Vuelta in buone condizioni, Pozzovivo sta bene e Nibali è chiaramente in crescita“.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio