La settimana degli italiani: Ulissi allunga il suo primato, Tiberi fa ben sperare e Milan spicca anche al Nord – Fra i giovani arriva il primo sigillo di Mattia Negrente

La settimana fra il 18 e il 24 marzo 2024 è stata una delle più intense della stagione, finora. Si è disputata la Volta a Catalunya 2024, corsa a tappe di livello WorldTour, è iniziato il periodo delle Classiche delle Nord e, sulle strade italiane, è andata in scena la Settimana Coppi e Bartali 2024, appuntamento tradizionalmente molto importante per gli interpreti e le squadre italiani. Complessivamente, per i ciclisti azzurri è stata una settimana con diversi lati positivi, anche se, su scala WorldTour, è mancato il successo. Sulle strade della Catalunya, le note più alte le ha suonate Antonio Tiberi (Bahrain Victorious), capace di chiudere al terzo posto una delle tappe più dure di tutta la settimana e di concludere l’intera corsa con un ottavo posto nella generale che fa sicuramente ben sperare per i suoi prossimi impegni, Giro d’Italia in primis. Nella prima pagina della classifica generale della Volta c’è anche Lorenzo Fortunato (Astana Qazaqstan), sempre molto regolare lungo le salite e capace di ottenere così il miglior risultato, in termini di valore assoluto, della sua squadra nel calendario WorldTour di questa stagione. Nell’arco della settimana catalana si sono messi in mostra anche Simone Petilli (Intermarché-Wanty) e Jacopo Mosca (Lidl-Trek), decimo nella quarta tappa e all’attacco nella quinta.

Al Nord, gli italiani in gara hanno fatto registrare qualche buon piazzamento, rivestendo anche, in qualche occasioni, ruolo importanti dal punto di vista strategico. Alla Brugge-De Panne, Simone Consonni si è reso protagonista di un finale decisamente combattivo, che lo ha portato poi al quinto posto dell’ordine d’arrivo. Piazzamento fra i 10, decimo appunto, anche per Luca Mozzato (Arkéa-B&B Hotels). Alla E3 Saxo Classic, Vincenzo Albanese (Arkéa-B&B Hotels) ha portato a termine un esordio sulle pietre WorldTour più che convincente, chiudendo al nono posto una gara in cui Lorenzo Milesi (Movistar) ha provato l’attacco da lontano, rimanendo a lungo allo scoperto. Alla Gand-Wevelgem di domenica 24, poi, è stato Jonathan Milan (Lidl-Trek) a prendersi la scena: il friulano è andato all’attacco in un momento importante della corsa ed è risultato una carta significativa nel mazzo della Lidl-Trek, che ha poi capitalizzato il suo lavoro con il successo di Pedersen e anche con il quinto posto dello stesso Milan, capace di tenere la ruota del gruppo degli immediati inseguitori fino alla fine. Pure Matteo Trentin (Tudor) si è visto spesso all’opera in azioni d’attacco e alla fine per lui è arrivato un decimo posto comunque rispettabile. Buona prova, poi, per Enrico Zanoncello (VF Group-Bardiani Csf-Faizanè) a La Roue Tourangelle, corsa di un giorno di livello 1.1 che si è svolta in Francia domenica 24 marzo: per lui è maturato il settimo posto nella convulsa volata finale.

Come detto, c’era tanta Italia in sella alla Settimana Coppi e Bartali 2024. Il guizzo più importante è arrivato da Diego Ulissi (UAE Team Emirates), che ha vinto una tappa e che ha così allungato la sua serie da primato di stagioni con almeno un successo. Per il toscano anche il terzo posto nella classifica finale. Notevole la prestazione di Davide de Pretto (Jayco-AlUla) lungo tutti i cinque giorni di gara: il vicentino non è mai andato sotto il sesto posto di giornata, chiudendo secondo nella giornata in cui ha vinto Ulissi e terzo nell’ultima frazione, oltre che quarto nella classifica generale. La graduatoria finale ha visto nella prima pagina anche Domenico Pozzovivo (Vf Group-Bardiani Csf-Faizanè), Giovanni Carboni (JCL Team Ukyo) e Thomas Pesenti (JCL Team Ukyo), rispettivamente ottavo, nono e decimo e tutti capaci di entrare nelle parti preminenti degli ordini d’arrivo delle varie tappe. Gianluca Brambilla (Q36.5) è stato spesso fra i protagonisti, andando all’attacco e chiudendo due volte da quinto di giornata. Matteo Malucelli (JCL Team Ukyo) ha sfiorato nuovamente il successo, piazzandosi secondo nella prima tappa (è la terza volta in questo 2024), sullo stesso arrivo su cui Kristian Sbaragli ha portato i colori Corratec-Vini Fantini all’ottavo posto. Fra i tanti atleti che hanno provato ad attaccare da lontano, anche in più di un’occasione, ci sono stati Nicolò Garibbo (Team Technipes #inEmiliaRomagna), Emanuele Ansaloni (Team Technipes #inEmiliaRomagna), Alessandro Fancellu (Q36.5), Lorenzo Ginestra (Work Service-Vitalcare-Dynatek), Davide Bauce (Mg.K Vis-Colors for Peace) e Manuele Tarozzi (VF Group-Bardiani Csf-Faizanè).

La settimana appena trascorsa ha poi visto la disputa di tre gare di un giorno – tutte di categoria 1.2 – sulle strade della Slovenia. In due di queste si è fatto vedere Simone Buda (Solme-Olmo): il 24enne è stato infatti quinto al Gp Brda-Collio e terzo al Gp Adria Mobil. In quest’ultima competizione, Jakub Mareczko (Corratec-Vini Fantini) si è visto negare la prima vittoria stagionale, per lui e per la squadra, dal 19enne sloveno Žak Eržen (Ct Friuli).

Giovani

Tornando sulle strade della Coppi e Bartali, Sergio Meris (Team MBH Bank Colpack Ballan) ha messo in fila delle belle prove, entrando anche nella Top 10 della quarta tappa. Per lui è però poi arrivato il ritiro nell’ultima frazione, cosa che gli ha impedito di portare a termine la gara. Hanno provato inoltre a mettersi in luce Giosuè Epis (Arkéa-B&B Hotels), Matteo Scalco (VF Group-Bardiani Csf-Faizanè), Lorenzo Nespoli (Team MBH Bank Colpack Ballan), Marco Palomba (General Store – Essegibi – F.lli Curia) e Filippo d’Aiuto (General Store – Essegibi – F.lli Curia).

Le corse slovene succitate hanno invece visto un terzo posto del 19enne Thomas Capra (CT Friuli) al Gp Brda-Collio e la vittoria del 18enne Mattia Negrente (Astana Qazaqstan Development) nel GP Goriška & Vipava Valley, davanti al 19enne Lorenzo Conforti (VF Group-Bardiani CSF-Faizanè).

Infortuni

Questa settimana bisogna purtroppo registrare l’infortunio di Nicolò Parisini (Q36.5 Pro Cycling Team), caduto alla Gand-Wevelgem, che ha riportato una frattura scomposta della clavicola destra per la quale è stato necessario un intervento. Alberto Bettiol (EF Education-EasyPost) è invece finito a terra alla E3 Saxo Classic, ma i successivi accertamenti non hanno evidenziato problemi maggiori e il toscano dovrebbe tornare in scena già questo mercoledì, 27 marzo, alla Dwars door Vlaanderen.

Cosa ci aspetta questa settimana

Il calendario è meno denso rispetto a quella appena trascorsa, ma gli appuntamenti importanti di certo non mancheranno. Continua la Campagna del Nord, che vedrà la disputa della Dwars door Vlaanderen e, in particolare, del Giro delle Fiandre, domenica 31 marzo. Di Bettiol abbiamo detto sopra, mentre, fra uno e l’altro appuntamento, si rivedranno in azione, fra gli altri, Trentin, Milan, Albanese e Mozzato, oltre a Gianni Moscon (Soudal-QuickStep) ed Elia Viviani (Ineos Grenadiers). In calendario ci sono anche il GP Indurain (sabato 30 marzo), la Volta NXT Classic (idem), la Paris-Camembert (mercoledì 27) e la Route Adélie de Vitré (venerdì 29), appuntamenti che potrebbero vedere diversi atleti italiani sulla linea di partenza.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio