Giro delle Fiandre 2020, Wout van Aert: “Polemica con van der Poel? Per me è finita lì. La settimana scorsa ha dimostrato che ci sono anche altri corridori forti, non dobbiamo solo guardarci a vicenda”

Wout van Aert  alla caccia Giro delle Fiandre 2020. Il corridore della Jumbo-Visma vuole conquistare la sua seconda classica della stagione dopo aver messo in bacheca anche la Milano-Sanremo nell’immediato post-lockdown. Il principale rivale del belga sarà ancora una volta Mathieu van der Poel, come già accaduto la settima scorsa alla Gand-Wevelgem vinta da Mads Pedersen dopo che i due storici rivali si erano guardati troppo, con Van Aert che aveva anche accusato il neerlandese di aver corso per non farlo vincere, con relativa risposta di van der Poel. Una polemica che però deve necessariamente spegnersi se i due non vorranno ripetere l’errore della scorsa settimana.

“Sto bene, ho fatto una buona corsa a Wevelgem e poi mentalmente è stato più facile concentrarmi per un’altra settimana – ha rivelato ai nostri microfoni prima delle partenza – Al Giro delle Fiandre può succedere di tutto, in passato sono stati decisivi Paterberg e Kwaremont, che è stato decisivo l’anno scorso per Bettiol. Sempre difficile fare una previsione, ma se posso scegliere voglio andare piano fino alla fine e poi dare tutto nel finale. La settimana scorsa ci ha dimostrato che ci sono altri corridori forti e non dobbiamo solo guardarci a vicenda. Problemi con Van der Poel dopo la polemica della scorsa settimana? No, per me è finita lì”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.