© Unipublic / PhotoGomezSport

Vuelta a España 2021, Egan Bernal al sicuro: “Sapevamo che ci sarebbe stato vento trasversale”

Finale movimentato nella quinta tappa della Vuelta a España 2021. Dapprima il vento, con le accelerazioni e i ventagli messi in piedi da Deceuninck-Quick-Step e Groupama-FDJ, quindi la maxi caduta a 11 chilometri dal traguardo che ha fatto fuori il leader Rein Taaramae (Intermarché-Wanty-Gobert) consegnando a Kenny Elissonde (Trek-Seagfredo) la maglia rossa della Vuelta a España 2021. Tanti rischi per i big, che hanno dovuto tenere gli occhi bene aperti e restare davanti per evitare spiacevoli sorprese nella tappa vinta allo sprint da Jasper Philipsen (Alpecin-Fenix).

In casa Ineos Grenadiers nessun problema per Egan Bernal: “Sapevamo che ci sarebbe stato vento trasversale a circa 30 chilometri dall’arrivo – ammette il colombiano – Ecco perché abbiamo preso il comando alla svolta sul lungo rettilineo, ma in realtà il vento era più simile a un vento frontale, quindi anche avendo le gambe sarebbe stato molto difficile fare qualcosa”.

Ovviamente tanto lavoro anche per i compagni di squadra che lo hanno scortato: “Ho chiesto a Pavel (Sivakov, ndr) di andare un po’ più tranquillo e negli ultimi chilometri si è visto quanto fosse importante avere i numeri per portarmi in posizione. Mi piacciono molto queste tappe, è davvero dura e c’è da soffrire, ma mi piacciono. Una volta potresti essere davanti, una volta potresti essere dietro, ma questo è ciò che lo rende bello”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.