©Photogomez Sport/ASO

Vuelta a España 2020, Javier Guillen teme per la continuazione della corsa: “Non so se la Vuelta sarà in grado di concludersi, seguiremo l’evoluzione della situazione giorno per giorno”

La situazione Covid-19 in Spagna preoccupa anche la Vuelta a España 2020. Il paese iberico, come in tante altre nazioni europee, ha visto un aumento dei casi nelle ultime settimane, che ha portato il governo guidato da Pedro Sanchez a prolungare lo stato di emergenza per sei mesi e a dichiarare un coprifuoco nazionale dalle 23 alle 6. Queste misure fanno temere per la continuazione della corsa, che deve affrontare ancora due settimane di gara fino a domenica 8 novembre, soprattutto per quanto riguarda le decisioni che prenderanno le varie comunità autonome (le regioni spagnole) che saranno attraversate dalla Vuelta.

Non so se la Vuelta sarà in grado di concludersi, ma ho fiducia nel fatto che potrà arrivare alla fine – ha dichiarato il direttore della corsa Javier Guillen a L’Equipe – Il rischio è quello di vedere una comunità autonoma che vieta il passaggio sul suo territorio, spero che ci possano essere delle eccezioni. Ma seguiremo l’evoluzione della situazione giorno per giorno”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.