© Sirotti

Vuelta a España 2019, Patrick Bevin la prende con filosofia “Sono arrivato secondo, ci sono già passato. È il ciclismo”

Ha corso un’ottima prova a cronometro Patrick Bevin, ma non è bastato per vincere. Nella decima tappa della Vuelta a España 2019 infatti, il corridore della CCC si è dovuto arrendere per 25 secondi allo strapotere di Primoz Roglic (Jumbo-Visma), che ha vinto la prova contro il tempo e preso la Maglia Rossa di leader della corsa. Il corridore neozelandese, campione nazionale delle crono in carica, può comunque essere orgoglioso della sua prova, in quanto è stato battuto solamente da uno dei più forti interpreti della disciplina, nella quale Bevin ha mostrato di aver proseguito in questo 2019 quel percorso di crescita iniziato la scorsa stagione.

“Sono abbastanza deluso – esordisce il 28enne – ma Primoz Roglic è stato il corridore di riferimento per le prove contro tempo in questa stagione. Sono arrivato secondo, ci sono già passato. Già altre volte mi sono seduto sulla hot seat e poi qualcuno è arrivato e mi ha sopravanzato. È il ciclismo”, dichiara semplicemente Bevin.

Nonostante l’annata del neozelandese sia stata abbastanza positiva, il portacolori della CCC non ne è totalmente soddisfatto: “È stata una stagione difficile per me e ora ho invertito la tendenza. Ma ovviamente si vuole sempre fare un po’ di più. Continuerò a lavorare e a lottare. Finora è stata una Vuelta difficile, ho migliorato la mia forma nella prima metà e ora vedrò di cercare di attaccare nella rimanente parte di corsa“.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *