© LaPresse

Startlist Giro d’Italia 2022, scopri elenco dei partecipanti

Saranno 176 i partecipanti al Giro d’Italia 2022. In programma dal 6 al 29 maggio, la Corsa Rosa vedrà al via la partecipazione delle 18 formazioni WorldTour, che hanno il diritto-dovere di partecipazione, alle quali si affiancheranno sicuramente Alpecin – Fenix e Arkéa – Samsic, le due professional che hanno ottenuto l’invito automatico grazie al piazzamento nell’UCI WorldRanking della passata stagione. A disposizione degli organizzatori ci sono dunque ancora due inviti, a meno che l’UCI dovesse decidere nuovamente di concedere una deroga ai grandi giri per invitare una ulteriore squadra.

Startlist Giro d’Italia 2022

Se non ci saranno i tre tenori, la startlist del Giro d’Italia 2022 resta di alto livello, con molti corridori di spessore pronti a darsi battaglia per il successo finale. Quattro saranno i vincitori del passato, tra i quali ovviamente ci sarà anche Vincenzo Nibali, che si è portato a casa il Trofeo Senza Fine nel 2013 e 2016, salendo nel complesso sei volte sul podio finale. Il siciliano non parte con l’obiettivo dichiarato di fare classifica, ambizione che in squadra sarà invece coltivata da Miguel Angel Lopez, ma è chiaramente un corridore che sarà meglio non sottovalutare malgrado venga da due stagioni difficili (o forse proprio per quello). Il colombiano dal canto suo cerca riscatto in una corsa che sembra tagliata per lui. Altro trionfatore del passato è Tom Dumoulin, vincitore nel 2017 proprio dopo una bella battaglia con il messinese, che vede nella Corsa Rosa, pur non perfettamente disegnata su corridori con le sue caratteristiche, la possibilità di rilanciarsi dopo la pausa fisica e mentale di cui aveva avuto bisogno lo scorso anno.

Due ex vincitori in una sola squadra invece per la Ineos Grenadiers, che punterà al bottino grosso innanzitutto con Richard Carapaz, ormai all’apice della carriera dopo il trionfo olimpico e i podi a Tour de France e Vuelta a España battagliando contro i due sloveni terribili. L’ecuadoriano avrà il ruolo di primo battitore in una squadra in cui trova spazio anche il suo successore nel 2020, quel Tao Geoghegan Hart che ha tenuto alta la bandiera del team in un anno difficile, prima di viverne a sua volta uno non proprio brillante lo scorso anno.

Il novero dei pretendenti al titolo prosegue con due corridori che la Maglia Rosa hanno dimostrato di saperla indossare molto bene: Joao Almeida e Simon Yates. Il primo negli ultimi due anni si è dimostrato capace di grandi risultati nel primo GT stagionale e non nasconde le sue alte ambizioni, malgrado la poca cronometro, fattore che invece favorisce molto il britannico, ancora in cerca del riscatto dopo la grande delusione del 2018. Terzo lo scorso anno, il vincitore della Vuelta 2018 sarà tra gli uomini più attesi e avrà la squadra tutta al suo fianco per sostenerlo in questo grande obiettivo.

Altri scalatori pronti a lottare per le posizioni di vertice sono indubbiamente Emanuel Buchmann e Mikel Landa, entrambi con l’obiettivo di salire quantomeno sul podio finale di una corsa in cui non avranno la cronometro a farli rimbalzare indietro. Reduci da un anno complicato, la Corsa Rosa è per loro grande occasione di riscatto, con il tedesco che avrà al suo fianco Jai Hindley e Wilco Kelderman, mentre per il basco ci sarà il corregionale Pello Bilbao. Vogliono invece continuare sul loro slancio Giulio Ciccone e Guillaume Martin, che nel 2021 hanno mostrato una ulteriore progressione (il francese sicuramente con più fortuna dell’abruzzese, che comunque ha raggiunto picchi di grande competitività, al netto degli infortuni). Entrambi possono a loro volta ambire ad una classifica di altissimo livello.

Difficile invece sapere esattamente cosa aspettarsi dal sempiterno Alejandro Valverde, che sei anni fa salì sul podio nella sua sinora unica apparizione al Giro, che ha scelto invece di omaggiare nella sua stagione dei saluti. Lo spagnolo è ancora corridore di altissimo livello malgrado i 42 anni e ormai sappiamo che non bisogna mai darlo per finito, abituati come siamo a farci sorprendere. In ogni caso, potrà essere protagonista, fosse anche solo per qualche successo parziale.

Sul campo opposto, in rampa di lancio ci sono giovani di talento come Clément Champoussin (Ag2r Citroën), Tobias Foss (Jumbo-Visma), già nono lo scorso anno, Juan Pedro Lopez (Trek-Segafredo), Mauri Vansevenant e Ilan Van Wilder (Quick-Step Alpha Vinyl), senza dimenticare ovviamente l’ex Maglia Rosa Attila Valter (Groupama-FDJ), che proverà a ben figurare nella corsa che parte dalla sua Ungheria, nonché la stellina Tom Pidcock (Ineos Grenadiers), dominatore del Giro Baby due anni fa e lo scorso anno capace di una importante crescita nelle tre settimane della Vuelta. Molto di loro partono con gerarchie interne da osservare, ma tre settimane son lunghe e molto può succedere.

Non mancheranno chiaramente anche i cacciatori di tappe, uomini di esperienza come Warren Barguil (Arkéa-Samsic), che potrebbe anche cercare qualcosa in più se le condizioni lo consentiranno, così come Fausto Masnada (Quick-Step Alpha Vinyl), Alberto Bettiol (EF Education-EasyPost), Matteo Fabbro (Bora-hansgorhe), Davide Formolo (UAE Team Emirates), Bauke Mollema (Trek-Segafredo) e Diego Ulissi (UAE Team Emirates), anche se ovviamente per alcuni di loro sarà necessario equilibrare le proprie ambizioni ed esigenze con quelle del team.

Nutrito anche il comparto velocisti, che vedrà uomini di primo piano come Mark Cavendish (Quick-Step Alpha Vinyl), Arnaud Démare (Groupama-FDJ), Caleb Ewan (Lotto Soudal), Tim Merlier (Alpecin-Fenix), Giacomo Nizzolo (Israel-PremierTech) ed Elia Viviani (Ineos Grenadiers) darsi battaglia nelle occasioni per le ruote veloci.

Partecipanti Giro d’Italia 2022

AG2R CITROEN
CHAMPOUSSIN Clément

ASTANA QAZAQSTAN TEAM 
DE LA CRUZ David
LOPEZ Miguel Angel
NIBALI Vincenzo

BAHRAIN VICTORIOUS
BILBAO Pello
LANDA Mikel

BORA – HANSGROHE
BUCHMANN Emanuel
FABBRO Matteo
HINDLEY Jai
KELDERMAN Wilco

COFIDIS
CONSONNI Simone
MARTIN Guillaume
PEREZ Anthony

EF EDUCATION – EASYPOST
BETTIOL Alberto
URAN Rigoberto

GROUPAMA – FDJ
DEMARE Arnaud
GUARNIERI Jacopo
KONOVALOVAS Ignatas
SINKELDAM Ramon
VALTER Attila

INEOS GRENADIERS
CARAPAZ Richard
GEOGHEGAN HART Tao
HAYTER Ethan
PIDCOCK Tom
PORTE Richie
VIVIANI Elia

ISRAEL – PREMIER TECH
DOWSETT Alex
NIZZOLO Giacomo
ZABEL Rik

INTERMARCHE – WANTY – GOBERT MATERIAUX
GHIRMAY Biniam
PASQUALON Andrea
PEAK Barnabas
ROTA Lorenzo

JUMBO – VISMA ✓
AFFINI Edoardo
BOUWMAN Koen
DUMOULIN Tom
EENKHOORN Pascal
FOSS Tobias
HARPER Chris
OOMEN Sam
VAN EMDEN Jos

LOTTO SOUDAL
DE GENDT Thomas
EWAN Caleb

MOVISTAR 
VALVERDE Alejandro

QUICK-STEP ALPHA VINYL
CAVENDISH Mark
MASNADA Fausto
SCHMID Mauro
VANSEVENANT Mauri
VAN WILDER Ilan

TEAM BIKEEXCHANGE – JAYCO
YATES Simon

TEAM DSM

TREK – SEGAFREDO
ABERASTURI Jon
CATALDO Dario
CICCONE Giulio
LOPEZ Juan Pedro
MOLLEMA Bauke

UAE TEAM EMIRATES
ALMEIDA João
COSTA Rui
COVI Alessandro
FORMOLO Davide
ULISSI Diego

ALPECIN – FENIX 
MERLIER Tim
OLDANI Stefano

ARKEA – SAMSIC 
BARGUIL Warren


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *