© Sirotti

Giro delle Fiandre 2017, monumentale Gilbert!

Impresa solitaria di Philippe Gilbert al Giro delle Fiandre 2017. Culminando un’azione di squadra con uno scatto sul Vecchio Kwaremont, il corridore della QuickStep – Floors parte in progressione, facendo il vuoto alle sue spalle per una assoluta impresa del ciclismo moderno. Il campione belga si conferma in grandissima forma conquistando per la prima volta in carriera una classica monumento sul pavé, la sua terza in carriera. Alle sue spalle l’attesissimo Greg Van Avermaet (BMC) anticipa Niki Terpstra (Quick-Step Floors) e Dylan Van Baarle (Cannondale – Drapac), ultimi inseguitori, che hanno provato a rientrare sul vallone.

Nelle posizioni di testa mancano invece grandi nomi come Peter Sagan (Bora-hansgrohe), Tom Boonen (Quick-Step Floors) e Sep Vanmarcke (Cannondale-Drapac), fermati dalla sfortuna in alcuni momenti chiave della corsa, ma nei primi dieci chiudono ben tre italiani, giunti nel gruppetto degli inseguitori regolato da Alexander Kristoff (Katusha-Alpecin). Sacha Modolo (UAE Team Emirates), Filippo Pozzato (Wilier-Selle Italia) e Sonny Colbrelli (Bahrain-Merida), chiudono infatti nei dieci, ma grande protagonista del giorno è anche Matteo Trentin (Quick-Step Floors), il cui lavoro da stopper ha impedito l’organizzazione dell’inseguimento al compagno di squadra, che è riuscito così ad involarsi verso il traguardo.

 

Se nelle precedenti classiche c’è stata molta bagarre perché si formasse la fuga di giornata, oggi è stato molto semplice. Il primo tentativo, sin dal chilometro zero, è stato quello giusto. Appena calata la bandierina del presidente della corsa son dunque partiti Julien Duval (AG2R-La Mondiale), Oliviero Troia (UAE Team Emirates), Marc McNally (Wanty-Groupe Gobert), Stef Van Zummeren, Michael Goolaerts (Verandas Willems-Crelan), Julien Morice (Direct Energie). Alcuni corridori provano ad aggregarsi e dopo una ventina di chilometri ci riescono Edward Planckaert (Sport Vlaanderen-Baloise) e Andre Looij (Roompot-Nederlandse Loterij), formando così un gruppetto di otto uomini al comando, con un vantaggio superiore ai sette minuti nei confronti del gruppo.

Mentre le formazioni dei favoriti mettono quasi per proforma qualche gregario davanti, il distacco continua a salire fino a superare gli undici minuti dopo una quarantina di chilometri di gara. A quel punto Bora – hansgrohe e BMC decidono di dare una leggera accelerazione, per impedire che il vantaggio salga ulteriormente. Dopo aver tenuto per qualche chilometro il distacco abbastanza stabile, Manuel Quinziato e Andreas Schillinger aumentano l’andatura in vista dell’inizio del pavé. Il gruppo si presenta dunque sul Paddelstraat con un ritardo di 9’55”. Margine che resta sostanzialmente invariato fino al primo muro di giornata, l’Oude Kwaremont.

I fuggitivi percorrono il celebre strappo ad andatura regolare, mentre dietro si registrano i primi scatti con Tom Van Asbroeck (Cannondale – Drapac) che cerca di portare via un drappello. Il belga non riesce nell’intento e, dopo qualche chilometro a bagnomaria, si rialza e viene superato a velocità doppia da Bert De Backer (Team Sunweb), il quale trova un compagno di contrattacco importante come Mitchel Docker (ORICA – Scott), scattato sul Kortekeer. I due trovano un buon accordo, mentre alle loro spalle provano a muoversi Marco Haller (Katusha – Alpecin), seguito poco dopo da Taylor Phinney (Cannondale – Drapac) e Rudy Barbier (Ag2r La Mondiale). Il terzetto viene raggiunto poco prima del tratto in pavé del Haaghoek e, in concomitanza del ricongiungimento, Phinney cade a terra compromettendo definitivamente la sua corsa.

Con la tensione che sale, le cadute sono inevitabili, specialmente in strade come quelle del Belgio. Uno dei primi a farne le spese è Chun Kai Feng (Bahrain – Merida) che, dopo due scivolate in pochi chilometri, lascia la corsa in ambulanza. Anche altri atleti finiscono a terra, tra i quali Kenneth Vanbilsen (Cofidis), Silvan Dillier (BMC), Niccolò Bonifazio (Bahrain – Merida) e Lukas Postlberger (BORA – Hansgrohe), ma questo non incide sull’andatura del gruppo che, con l’alternarsi di uomini FDJ, Quick-Step Floors, Cannondale – Drapac e Sky in testa, inizia a tenere ritmi elevati. Il cambio di velocità, naturalmente, costa caro ai fuggitivi, il cui margine inizia costantemente a calare. Anche Edward Theuns (Trek – Segafredo) e Pim Ligthart (Roompot Nederlandaise Loterij) provano a lanciarsi al contrattacco, senza grande fortuna.

Si arriva così ai piedi del Kapelmuur, primo snodo cruciale della corsa. Qui salgono in cattedra Philippe Gilbert e Tom Boonen (Quick-Step Floors) che, con un forcing, riescono a spaccare il gruppo. Sulle loro ruote si portano Maciej Bodnar (BORA – Hansgrohe), Matteo Trentin (Quick-Step Floors), Gianni Moscon, Luke Rowe (Team Sky), Bryan Coquard, Sylvain Chavanel (Direct Energie), Sacha Modolo (UAE Fly Emirates),  Sep Vanmarcke (Cannondale – Drapac), Jasper Stuyven (Trek – Segafredo), Alexander Kristoff (Katusha – Alpecin), Pieter Vanspeybrouck (Wanty – Groupe Gobert) e Arnaud Démare (FDJ), mentre restano clamorosamente tagliati fuori Peter Sagan (BORA – Hansgrohe) e Greg Van Avermaet (BMC).

Davanti fiutano la preda e iniziano a darsi cambi regolari per forza al tentativo, mentre il gruppo principale deve prima ricompattarsi e poi organizzare l’inseguimento. Il distacco si assesta nell’ordine del minuto, con la BMC e la BORA – Hansgrohe costrette a lavorare per tenere sotto controllo la situazione. Con il passare dei chilometri, tuttavia, anche Lotto Soudal e Astana arrivano a dare una mano e il margine diminuisce. A 65 chilometri dall’arrivo si esaurisce la fuga del mattino, con i fuggitivi raggiunti dal drappello dei contrattaccanti che riesce ad approcciare all’Oude Kwaremont con 40 secondi sul gruppo principale.

In salita si scatena Gilbert che, con un vero e proprio forcing, stacca tutti ed esce dal settore con una quindicina di secondi di margine. Mancano 54 chilometri alla conclusione, ma il fiammingo decide di tirare dritto e sfidare la sorte, consapevole di avere una gran condizione. Boonen e Trentin, naturalmente, restano passivi e così è Vanmarcke a prendersi la responsabilità dell’inseguimento. Il belga, tuttavia, è sfortunatissimo e si rende protagonista di una bruttissima scivolata, che lo taglia fuori. Assieme a lui sono costretti a mettere piede a terra anche Rowe e Bodnar, a loro volta tagliati fuori.

Gilbert prosegue ad andatura regolare, mentre sul Paterberg si rimescolano le carte con alcuni corridori attardati, tra i quali Sagan e Van Avermaet, rientrano sul drappello degli immediati inseguitori. La situazione, tuttavia, è ben lungi dall’essersi definita poiché nel tratto in pianura successivo parte Fabio Felline (Trek – Segafredo) assieme a Dylan Van Baarle (Cannondale – Drapac). I due acquisiscono una ventina di secondi sul gruppo dei più forti, condotto da un generosissimo Daniel Oss (BMC), ma faticano ad avvicinarsi al battistrada che, gestendo le energie con intelligenza, arriva ad avere un minuto di vantaggio.

Sul Koppenberg la situazione non cambia e bisogna attendere il Taaienberg per vedere i primi attacchi significativi. Mentre Tom Boonen è costretto a fermarsi per un problema meccanico, davanti c’è l’atteso scatto di Peter Sagan. Sulla ruota dello slovacco è lesto a portarsi Oliver Naesen (Ag2r La Mondiale), seguito da Greg Van Avermaet e, successivamente, da Matteo Trentin e Yoann Offredo (Wanty – Groupe Gobert). Il quintetto si riporta rapidamente sulla coppia dei contrattaccanti, ma faticano a rosicchiare terreno a Gilbert. Il battistrada fa fatica, ma in pianura riesce a tenere il passo degli inseguitori.

La seconda e ultima sequenza di Oude Kwaremont e Paterberg rappresenta l’ultimo scoglio per il campione nazionale belga, nonché le ultime speranze per gli inseguitori, i quali non possono permettersi di rallentare l’andatura. Anche alle loro spalle c’è bagarre con Filippo Pozzato (Wilier – Selle Italia), Michael Valgren (Astana), André Greipel (Lotto Soudal) ed un inesauribile Sacha Modolo che provano a chiudere. Con la strada che sale arriva l’atteso affondo di Peter Sagan. Con lo slovacco restano nuovamente i soli Van Avermaet e Naesen, ma proprio in cima succede l’incredibile. Lo slovacco cerca di sfruttare il bordo strada per risparmiare delle energie, ma sbanda provocando una rovinosa caduta. Il Fiandre dell’iridato si conclude così e, assieme a lui, ne fa le spese Naesen, mentre Van Avermaet riesce a ripartire prontamente. Si salva, viceversa, Van Baarle che stava provando a rientrare e, improvvisamente, si ritrova ad inseguire tutto solo il battistrada.

Alle spalle del neerlandese si riforma un gruppetto con Offredo, Felline, Trentin e Van Avermaet, sul quale rientra a sorpresa Niki Terpstra (Quick-Step Floors), apparso quasi improvvisamente nelle prime posizioni. Il quintetto inizia il Paterberg con poche speranze di rientrare sul leader, malgrado le gambe di Gilbert, inevitabilmente, non girino più come prima. Con un ultimo scatto d’orgoglio, il campione olimpico tenta un ultimo scatto, portandosi dietro Terpstra e andando a riprendere Van Baarle. Si forma un terzetto capace di recuperare terreno al battistrada, costretto a fare i conti con il mal di gambe e il vento contrario. Il vantaggio acquisito si rivela sufficiente per giungere ad Oudenaarde tutto solo e Gilbert può festeggiare così un’impresa di altri tempi.

Al secondo posto si piazza Van Avermaet, che vince la volata dei battuti, mentre il gruppo principale viene regolato da Alexander Kristoff (Katusha – Alpecin) che si prende il quinto posto, davanti ad uno splendido Sacha Modolo. Nei dieci anche Filippo Pozzato e Sonny Colbrelli (Bahrain – Merida) che chiudono rispettivamente in ottava e decima posizione.

ORDINE D’ARRIVO

1 Philippe GILBERT BEL QST 35 6:23:45
2 Greg VAN AVERMAET BEL BMC 32 +29
3 Niki TERPSTRA NED QST 33 +29
4 Dylan VAN BAARLE NED CDT 25 +29
5 Alexander KRISTOFF NOR KAT 30 +53
6 Sacha MODOLO ITA UAD 30 +53
7 John DEGENKOLB GER TFS 28 +53
8 Filippo POZZATO ITA WIL 36 +53
9 Sylvain CHAVANEL FRA DEN 38 +53
10 Sonny COLBRELLI ITA TBM 27 +53
11 MICHAEL VALGREN ANDERSEN DEN AST 25 +53
12 Luke DURBRIDGE AUS ORS 26 +53
13 Matteo TRENTIN ITA QST 28 +53
14 Yoann OFFREDO FRA WGG 31 +53
15 Gianni MOSCON ITA SKY 23 +53
16 Scott THWAITES GBR DDD 27 +53
17 Tony GALLOPIN FRA LTS 29 +53
18 Nelson OLIVEIRA POR MOV 28 +53
19 Fabio FELLINE ITA TFS 27 +1:01
20 André GREIPEL GER LTS 35 +2:29
21 Baptiste PLANCKAERT BEL KAT 29 +2:29
22 Edvald BOASSON HAGEN NOR DDD 30 +2:29
23 Oliver NAESEN BEL ALM 27 +2:32
24 Alberto BETTIOL ITA CDT 24 +2:32
25 Alexander EDMONSON AUS ORS 24 +3:30
26 Adrien PETIT FRA DEN 27 +3:30
27 Peter SAGAN SVK BOH 27 +3:30
28 Nikias ARNDT GER SUN 26 +3:30
29 Pim LIGTHART NED RNL 29 +3:30
30 Magnus Cort NIELSEN DEN ORS 24 +3:30
31 Julien DUVAL FRA ALM 27 +3:30
32 Matti BRESCHEL DEN AST 33 +3:30
33 Marco MARCATO ITA UAD 33 +3:30
34 Matthieu LADAGNOUS FRA FDJ 33 +3:30
35 Julien VERMOTE BEL QST 28 +3:30
36 Yves LAMPAERT BEL QST 26 +3:30
37 Tom BOONEN BEL QST 37 +3:30
38 Boy VAN POPPEL NED TFS 29 +3:30
39 Frederik BACKAERT BEL WGG 27 +3:30
40 Florian SENECHAL FRA COF 24 +3:30
41 Stefan KÜNG SUI BMC 24 +3:30
42 Nils POLITT GER KAT 23 +3:30
43 Luka PIBERNIK SLO TBM 24 +3:30
44 Preben VAN HECKE BEL SVB 35 +3:30
45 Stijn VANDENBERGH BEL ALM 33 +3:30
46 Thomas SPRENGERS BEL SVB 27 +3:30
47 Alexey LUTSENKO KAZ AST 25 +3:30
48 Guillaume VAN KEIRSBULCK BEL WGG 26 +3:30
49 Silvan DILLIER SUI BMC 27 +3:30
50 Eugert ZHUPA ALB WIL 27 +3:30
51 Jasper STUYVEN BEL TFS 25 +3:30
52 Tom VAN ASBROECK BEL CDT 27 +3:30
53 Andrea PASQUALON ITA WGG 29 +3:30
54 Huub DUYN NED VWC 33 +3:30
55 Marcus BURGHARDT GER BOH 34 +3:30
56 Arnaud DEMARE FRA FDJ 26 +3:30
57 Edward THEUNS BEL TFS 26 +3:30
58 Bram TANKINK NED TLJ 39 +3:30
59 Reinardt JANSE VAN RENSBURG RSA DDD 28 +3:30
60 Reto HOLLENSTEIN SUI KAT 32 +3:30
61 Daniel OSS ITA BMC 30 +3:30
62 Gaetan BILLE BEL VWC 29 +3:35
63 Alex TURRIN ITA WIL 25 +3:35
64 Ian STANNARD GBR SKY 30 +3:36
65 Bryan COQUARD FRA DEN 25 +3:36
66 Maciej BODNAR POL BOH 32 +3:36
67 Zdenek ŠTYBAR CZE QST 32 +3:36
68 Ivan GARCIA CORTINA ESP TBM 22 +4:15
69 Sam BEWLEY NZL ORS 30 +4:32
70 Olivier LE GAC FRA FDJ 24 +6:59
71 Mark MCNALLY GBR WGG 28 +6:59
72 Sebastian LANGEVELD NED CDT 32 +6:59
73 Michael MORKOV DEN KAT 32 +6:59
74 Søren Kragh ANDERSEN DEN SUN 23 +8:02
75 Koen DE KORT NED TFS 35 +8:02
76 Pieter VANSPEYBROUCK BEL WGG 30 +8:02
77 Federico ZURLO ITA UAD 23 +8:35
78 Ramon SINKELDAM NED SUN 28 +8:35
79 Laurens DE VREESE BEL AST 29 +8:35
80 Christoph PFINGSTEN GER BOH 30 +8:35
81 Mike TEUNISSEN NED SUN 25 +8:35
82 Ryan MULLEN IRL CDT 23 +8:35
83 Iljo KEISSE BEL QST 35 +8:35
84 Dries VAN GESTEL BEL SVB 23 +8:35
85 Antoine DUCHESNE CAN DEN 26 +8:35
86 ANDREY GRIVKO UKR AST 34 +8:35
87 Imanol ERVITI ESP MOV 34 +8:35
88 Dion SMITH NZL WGG 24 +8:35
89 Jasha SÜTTERLIN GER MOV 25 +8:35
90 Roy CURVERS NED SUN 38 +8:35
91 Mathew HAYMAN AUS ORS 39 +8:35
92 Mitch DOCKER AUS ORS 31 +8:35
93 Wesley KREDER NED WGG 27 +8:35
94 Jonas RICKAERT BEL SVB 23 +8:35
95 Julien MORICE FRA DEN 26 +8:35
96 Mickael DELAGE FRA FDJ 32 +8:35
97 Lars BOOM NED TLJ 32 +8:35
98 Dimitri CLAEYS BEL COF 30 +8:35
99 Jean-Pierre DRUCKER LUX BMC 31 +8:35
100 Stijn STEELS BEL SVB 28 +8:35
101 Dries DE BONDT BEL VWC 26 +8:35
102 Christian KNEES GER SKY 36 +11:31
103 Hugo HOULE CAN ALM 27 +11:31
104 Bernhard EISEL AUT DDD 36 +11:31
105 Twan CASTELIJNS NED TLJ 28 +11:31
106 Lukasz WISNIOWSKI POL SKY 26 +11:31
107 Kiel REIJNEN USA TFS 31 +11:31
108 Owain DOULL GBR SKY 24 +11:31
109 Stijn DEVOLDER BEL VWC 38 +11:31
110 Tom SCULLY NZL CDT 27 +11:31
111 Rudy BARBIER FRA ALM 25 +11:31
112 Juraj SAGAN SVK BOH 29 +11:31
113 Rafael ANDRIATO BRA WIL 30 +11:31
114 Bert VAN LERBERGHE BEL SVB 25 +11:31
115 Gijs VAN HOECKE BEL TLJ 26 +11:31
116 Amund Grondahl JANSEN NOR TLJ 23 +11:31
117 Yohann GENE FRA DEN 36 +11:31
118 Alexandre PICHOT FRA DEN 34 +11:31
119 Gregory RAST SUI TFS 37 +11:31
120 Luke ROWE GBR SKY 27 +11:31
121 Tyler FARRAR USA DDD 33 +11:31
DNF Jonathan DIEBBEN GBR SKY 23
DNF Liam BERTAZZO ITA WIL 25
DNF Nick DOUGALL RSA DDD 25
DNF Jurgen ROELANDTS BEL LTS 32
DNF Stef VAN ZUMMEREN BEL VWC 26
DNF Michael GOOLAERTS BEL VWC 23
DNF Jay Robert THOMSON RSA DDD 31
DNF Coen VERMELTFOORT NED RNL 29
DNF Carlos Alberto BETANCUR GOMEZ COL MOV 28
DNF Jorge ARCAS PEÑA ESP MOV 25
DNF Héctor CARRETERO ESP MOV 22
DNF Brian VAN GOETHEM NED RNL 26
DNF Luka MEZGEC SLO ORS 29
DNF Nuno MATOS POR MOV 23
DNF Alex DOWSETT GBR MOV 29
DNF Youcef REGUIGUI ALG DDD 27
DNF Nico DENZ GER ALM 23
DNF Tony MARTIN GER KAT 32
DNF Hugo Hofstetter FRA COF 23
DNF Christophe LAPORTE FRA COF 25
DNF Rick ZABEL GER KAT 24
DNF Marco HALLER AUT KAT 26
DNF Jens DEBUSSCHERE BEL LTS 28
DNF Alexis GOUGEARD FRA ALM 24
DNF Cyril LEMOINE FRA COF 34
DNF Lukas PÖSTLBERGER AUT BOH 25
DNF Oscar GATTO ITA AST 32
DNF Nikolas MAES BEL LTS 31
DNF Dmitriy GRUZDEV KAZ AST 31
DNF Zhandos BIZHIGITOV KAZ AST 26
DNF Gediminas BAGDONAS LTU ALM 32
DNF Giuseppe FONZI ITA WIL 26
DNF Otto VERGAERDE BEL VWC 23
DNF Matteo DRAPERI ITA WIL 26
DNF Salvatore PUCCIO ITA SKY 28
DNF Michaël VAN STAEYEN BEL COF 29
DNF Borut BOZIC SLO TBM 37
DNF Loic CHETOUT FRA COF 25
DNF Marko KUMP SLO UAD 29
DNF Ion Ander INSAUSTI IRASTORZA ESP TBM 25
DNF Phil BAUHAUS GER SUN 23
DNF Taylor PHINNEY USA CDT 27
DNF Bert DE BACKER BEL SUN 33
DNF Kenneth VAN ROOY BEL SVB 24
DNF Sep VANMARCKE BEL CDT 29
DNF Zico WAEYTENS BEL SUN 26
DNF Kenneth VANBILSEN BEL COF 27
DNF Andrea GUARDINI ITA UAD 28
DNF Marc SARREAU FRA FDJ 24
DNF Vegard Stake LAENGEN NOR UAD 28
DNF Berden DE VRIES NED RNL 28
DNF Jesper ASSELMAN NED RNL 27
DNF Oliviero TROIA ITA UAD 23
DNF Francisco Jose VENTOSO ALBERDI ESP BMC 35
DNF Manuel QUINZIATO ITA BMC 38
DNF Martin ELMIGER SUI BMC 39
DNF Sander CORDEEL BEL VWC 30
DNF Simone CONSONNI ITA UAD 23
DNF Marcel SIEBERG GER LTS 35
DNF NICCOLO’ BONIFAZIO ITA TBM 24
DNF Romain CARDIS FRA DEN 25
DNF Elmar REINDERS NED RNL 25
DNF Chun Kai FENG TPE TBM 29
DNF Meiyin WANG CHN TBM 29
DNF Andreas SCHILLINGER GER BOH 34
DNF Andre LOOIJ NED RNL 22
DNF Edward PLANCKAERT BEL SVB 22
DNF Jos VAN EMDEN NED TLJ 32
DNF Tiesj BENOOT BEL LTS 23
DNF Steven LAMMERTINK NED TLJ 24
DNF Maarten WYNANTS BEL TLJ 35
DNF Jasper DE BUYST BEL LTS 24
DNF Jacopo GUARNIERI ITA FDJ 30
DNF Johan LE BON FRA FDJ 27
DNF Ignatas KONOVALOVAS LTU FDJ 32
DNF Taco VAN DER HOORN NED RNL 24
DNF Rüdiger SELIG GER BOH 28
DNS Jens KEUKELEIRE BEL ORS 29
pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.