Campionato italiano 2017, Aru senza rivali! Niente da fare per Ulissi e Nocentini

Fabio Aru è il Campione Italiano 2017 su strada. Il campione sardo della Astana si è aggiudicato il Gran Piemonte 2017, valido come Campionato Italiano, al termine dei 236,0 chilometri in programma da Asti a Ivrea, resi ancora più complicati a causa del grande caldo, grazie ad un pregevole scatto in salita a 17 chilometri dal traguardo sull’ultimo passaggio da La Serra. Niente da fare quindi per gli inseguitori Diego Ulissi (UAE Emirates), Rinaldo Nocentini (Sporting-Tavira), Damiano Caruso (BMC) e Gianni Moscon (Sky) che, staccati in salita, non sono più riusciti a rientrare. Top ten anche per l’inossidabile Davide Rebellin (Kuwait – Cartucho.es) che, alla soglia dei 46 anni, non smette di dare prova della sua longevità sportiva.

Subito dopo il via iniziano gli attacchi in testa al gruppo per cercare di portare via la fuga da lontano. L’azione buona nasce dopo una ventina di chilometri con protagonisti Paolo Prandini (Sangemini – Mg. Kvis Olmo), Simone Sterbini (Bardiani CSF), Ettore Carlini (D’Amico Utensilinord) ed Enrico Battaglin (Lotto NL – Jumbo). Il gruppo lascia subito spazio a questi quattro fuggitivi che nel giro di pochi chilometri arrivano a toccare un vantaggio di 12 minuti. Dietro a controllare è la Bahrain – Merida, ma la situazione cambia intorno al chilometro 80, quando in testa al gruppo si porta la Androni – Sidermec, che inizia a ridurre il gap.

Proprio al chilometro 80 fra i fuggitivi Prandini perde contatto, rialzandosi e venendo riassorbito dal gruppo dietro. I tre battistrada invece continuano nella loro azione, entrando nel circuito finale con un vantaggio di 5’46”. Il forcing di Diego Rosa (Sky) e Gianluca Brambilla (Quick-Step Floors) sulla prima scalata di La Serra fraziona il gruppo, che però recupera elementi nel corso della successiva discesa. Ai -47 Marco Marcato (UAE Emirates) esce dal gruppo, forte di una cinquantina di unità, ma non riesce a fare molta strada. I tre di testa, pur perdendo terreno, restano compatti nonostante le difficoltà di Carlini a tenere le ruote dei compagni di avventura in salita.

La seconda scalata di Le Serre si apre con uno scatto di Fabio Felline (Trek-Segafredo) con Enrico Gasparotto (Bahrain-Merida) a ruota. I due riescono nell’intento di aumentare l’andatura del gruppo degli inseguitori, che poco dopo va a riprendere Sterbini e Carlini, lasciando il solo Battaglin in avanscoperta solitaria a 38 chilometri dal traguardo. Dura solo un paio di chilometri l’avventura del corridore della LottoNL-Jumbo, che viene ripreso sul tratto più duro della salita.

Un generosissimo Dario Cataldo (Astana) tiene alto il ritmo fino al termine della salita, decimando il gruppo di testa. Superato lo scollinamento, Felline e Brambilla provano ad allungare sugli altri, ma vengono ripresi a 25 chilometri dal traguardo. In questa fase restano in 18 in testa alla corsa: Rebellin, Canola, Cataldo, Aru, Brambilla, Trentin, Puccio, Moscon, Busato, Ulissi, Felline, Cattaneo, Gavazzi, Nibali, Colbrelli, Caruso, Villella e Nocentini. Appena la strada ricomincia a salire, Cataldo riprende in mano la situazione per sfiancare gli avversari di un brillante Fabio Aru che attacca puntualmente a 17 chilometri dal traguardo, appena il compagno di squadra termina il proprio lavoro.

Sul tratto più duro di La Serra il sardo rilancia con grande convinzione con un altro scatto bruciante, riuscendo a scollinare con 35 secondi di vantaggio sugli immediati inseguitori, Gianni Moscon (Sky) e Damiano Caruso (BMC), recuperati nel corso della salita da Rinaldo Nocentini (Sport-Tavira), Diego Ulissi (UAE Team Emirates) e Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida), primo però a staccarsi insieme a Brambilla. Aru prosegue anche in discesa e poi in pianura con grande concentrazione, riuscendo a resistere ai quattro inseguitori, che si devono accontentare dei piazzamenti, con Diego Ulissi e Rinaldo Nocentini rispettivamente medaglia d’argento e di bronzo. Quarto posto per Damiano Caruso e quinto per Gianni Moscon.

ORDINE DI ARRIVO

1. ARU Fabio ITA AST ASTANA PRO TEAM 5.52’31”
2. ULISSI Diego ITA UAD UAE TEAM EMIRATES 5.53’11” 0’40”
3. NOCENTINI Rinaldo ITA STA CLUB-SPORTING/TAVIRA 5.53’11” 0’40”
4. CARUSO Damiano ITA BMC BMC RACING TEAM 5.53’11” 0’40”
5. MOSCON Gianni ITA SKY TEAM SKY 5.53’11” 0’40”
6. CANOLA Marco ITA NIP NIPPO VINI FANTINI 5.53’19” 0’48”
7. FELLINE Fabio ITA TFS TREK SEGAFREDO 5.53’19” 0’48”
8. COLBRELLI Sonny ITA TBM BAHRAIN – MERIDA 5.53’19” 0’48”
9. TRENTIN Matteo ITA QST QUICK – STEP FLOORS 5.53’19” 0’48”
10. REBELLIN Davide ITA KWC KUWAIT – CARTUCHO.ES 5.53’21” 0’50”
11. BRAMBILLA Gianluca ITA QST QUICK – STEP FLOORS 5.53’29” 0’58”
12. NIBALI Vincenzo ITA TBM BAHRAIN – MERIDA 5.53’44” 1’13”
13. GAVAZZI Francesco ITA ANS ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC 5.55’19” 2’48”
14. VILLELLA Davide ITA CDT CANNONDALE DRAPAC PRO CYCLING T5E.A5M6’24” 3’53”
15. BUSATO Matteo ITA WIL WILIER TRIESTINA SELLE ITALIA 5.56’24” 3’53”
16. GASPAROTTO Enrico ITA TBM BAHRAIN – MERIDA 5.57’58” 5’27”
17. CATTANEO Mattia ITA ANS ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC 5.57’58” 5’27”
18. ZAMPARELLA Marco ITA AMO AMORE & VITA – SELLE SMP 5.58’55” 6’24”
19. FILOSI Iuri ITA NIP NIPPO VINI FANTINI 5.58’55” 6’24”
20. CICCONE Giulio ITA BRD BARDIANI CSF 5.58’56” 6’25”
21. PONZI Simone ITA CCC CCC SPRANDI POLKOWICE 6.01’27” 8’56”
22. SAMPARISI Nicolas ITA AZT D’AMICO UTENSILNORD 6.01’27” 8’56”
23. MOSCA Jacopo ITA WIL WILIER TRIESTINA SELLE ITALIA 6.01’27” 8’56”
24. BROGI Adriano ITA GME GM EUROPA OVINI 6.01’27” 8’56”
25. SBARAGLI Kristian ITA DDD TEAM DIMENSION DATA 6.01’27” 8’56”
26. TIZZA Marco ITA GME GM EUROPA OVINI 6.01’27” 8’56”
27. VELASCO Simone ITA BRD BARDIANI CSF 6.01’27” 8’56”
28. CATALDO Dario ITA AST ASTANA PRO TEAM 6.01’27” 8’56”
29. BETTIOL Alberto ITA CDT CANNONDALE DRAPAC PRO CYCLING T6E.A0M1’27” 8’56”
30. PARRINELLO Antonino Casimir ITA GME GM EUROPA OVINI 6.01’27” 8’56”
31. ROSA Diego ITA SKY TEAM SKY 6.01’27” 8’56”
32. CONTI Valerio ITA UAD UAE TEAM EMIRATES 6.01’27” 8’56”
33. TOMMASSINI Fabio ITA AZT D’AMICO UTENSILNORD 6.01’27” 8’56”
34. FRAPPORTI Marco ITA ANS ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC 6.01’27” 8’56”
35. PUCCIO Salvatore ITA SKY TEAM SKY 6.01’27” 8’56”
36. GAZZARA Michele ITA SAN SANGEMINI MG K-VIS 6.01’27” 8’56”
37. PETILLI Simone ITA UAD UAE TEAM EMIRATES 6.01’27” 8’56”
38. SANTAROMITA Ivan ITA NIP NIPPO VINI FANTINI 6.01’27” 8’56”
39. PACCHIARDO Davide ITA GME GM EUROPA OVINI 6.01’27” 8’56”
40. BISOLTI Alessandro ITA NIP NIPPO VINI FANTINI 6.01’27” 8’56”
41. BATTAGLIN Enrico ITA TLJ TEAM LOTTO NL JUMBO 6.01’27” 8’56”
42.RUSCETTA Andrea ITA GME GM EUROPA OVINI 6.01’27” 8’56”
43. BONUSI Raffaello ITA ANS ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC 6.01’27” 8’56”
44. PASQUALON Andrea ITA WGG Wanty – Groupe Gobert 6.07’41” 15’10”
45. GAFFURINI Nicola ITA SAN SANGEMINI MG K-VIS 6.07’41” 15’10”
46. CONSONNI Simone ITA UAD UAE TEAM EMIRATES 6.07’43” 15’12”
47. MUCELLI Davide ITA MKT PRO CYCLING TEAM MERIDIANA KAMEN6.07’43” 15’12”
48. TOTO’ Paolo ITA SAN SANGEMINI MG K-VIS 6.09’06” 16’35”

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button
Giro dell'Emilia LIVEAccedi
+ +