Parigi – Nizza 2017, Contador: “Ho perso dei secondi preziosi”

Alberto Contador ha provato a limitare i danni nella pazza giornata odierna della Parigi – Nizza 2017. Il madrileno è giunto al traguardo a 1’04” da Démare, perdendo quasi un minuto da Daniel Martin e Gallopin e 17 secondi da Porte. Il fattore chiave dell’intera tappa è stato il meteo , che ha reso la frazione estremamente difficile: “È stata una tappa durissima. Dal primo momento c’è stata tanta pressione, pericoli e vento. Questa però è la Parigi – Nizza. La chiamano la corsa del sole, ma mi chiedo il motivo in giornate come questa”.

Il portacolori della Trek – Segafredo non ha nascosto un pizzico di delusione per il risultato personale, riuscendo però anche a vedere il bicchiere mezzo pieno della situazione: “Ho perso dei secondi preziosi. Bisogna sempre vedere la situazione da quel punto di vista anche se oggi ci sono state due o tre occasioni in cui stavo per cadere, ma fortunatamente sono riuscito ad evitare di finire a terra. Alla fine quindi fra le due situazioni posso dire che è meglio non esser finiti a terra”. “Ovviamente queste sono tappe chiave – aggiunge lo scalatore di Pinto – Spesso alla Nizza queste tappe sono più importanti rispetto a quelle di montagna o le cronometro”.

Contador ha infine analizzato la prestazione della sua squadra ed in particolar modo il loro aiuto nei momenti difficili: “La squadra si è comportata bene. In alcuni momenti difficili ero al loro fianco, ma nel finale Degennkolb e Pantano sono rimasti coinvolti nella caduta ed è stata dura per me. Ho dovuto lottare per la posizione in gruppo ed ho speso molte energie tanto che quando Porte ha attaccato avevo le gambe pesanti e non sono riuscito a seguirlo. Domani comunque sarà un altro giorno e sarà anche quella una tappa in cui possono succedere molte cose”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.