Giro d’Italia 2023, Primož Roglič ha rischiato fino a 10 secondi di penalità per la spinta del tifoso sul Monte Lussari

Primož Roglič avrebbe potuto essere sanzionato al Giro d’Italia 2023. La cronoscalata del Monte Lussari, infatti, ha permesso al portacolori della Jumbo – Visma di festeggiare la conquista della sua prima edizione della Corsa Rosa, ma ad un certo punto la situazione avrebbe potuto prendere una brutta ed imprevista piega. Tutti oramai, infatti, sanno che lo sloveno è stato costretto a mettere piede a terra per un problema alla catena e che è poi ripartito grazie alla spinta del suo meccanico, ma anche di un tifoso trovato a bordo strada, che si è rivelato poi essere il suo compagno di nazionale quando ancora gareggiava nel salto con gli sci.

L’aver trovato l’amico Mitja Meznar proprio in quel punto è stata una grande fortuna quindi per il classe 1989, ma avrebbe anche potuto costargli cara. Le immagini tv che hanno staccato per andare ad inquadrare altri corridori, infatti, non hanno permesso di valutare la durata della spinta, cosa che, invece, sarebbe stato utile conoscere. Il regolamento internazionale dell’UCI vieta, infatti, la spinta prolungata da parte di uno spettatore e prevede 200 franche svizzeri di multa, il decurtamento di alcuni punti e 10″ di penalità. Vale comunque la pena ricordare che il nativo di Trbovlje ha vinto la corsa con 14 secondi di vantaggio su Geraint Thomas (Ineos Grenadiers) e, quindi, il risultato non sarebbe cambiato.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio
Tappa 1 Tirreno-Adriatico 2024 LIVEAccedi
+