© LaPresse - D'Alberto / Ferrari / Paolone / Alpozzi

Giro d’Italia 2019, Démare si veste di ciclamino ma “bisogna prepararsi a soffrire”

Arnaud Démare è riuscito ad affermarsi con il più regolare al termine dell’undicesima tappa del Giro d’Italia 2019. Grazie al secondo posto odierno, e al mancato piazzamento di Pascal Ackermann (Bora-hansgrohe) ieri a Modena in seguito alla caduta quando invece lui ha vinto, lo sprinter francese della Groupama-FDJ indosserà, a partire da domani, la maglia ciclamino di leader della classifica a punti. La sfida resta comunque aperta perché il tedesco lo insegue a 11 punti, mentre Caleb Ewan, che comunque si prevede abbandonerà la corsa, gliene deve recuperare 35.

È stato difficile – ha spiegato ai media a fine tappa – Bisognava essere davanti a 750 metri dall’arrivo durante il restringimento, ma sfortunatamente la distanza era un po’ troppo grande per Ramon e Jacopo. Ho superato un corridore BORA di fronte a me, ma non ho trovato il varco e dal momento che Ewan era molto forte, non ho potuto recuperarlo”.

Ora che ha conquistato la maglia ciclamino, non ha intenzione di lasciarla tanto facilmente: “La maglia è un riconoscimento che dovrà essere difeso. Il prossimo sprint sarà la prossima settimana, quindi bisogna prepararsi a soffrire nei prossimi giorni“. Ovviamente, il più grande pericolo in questo momento non sono i suoi rivali diretti, ma le montagne, che dovrà riuscire a superare indenne.

 

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.