© Giro d'Italia

Movistar, Carapaz punta il Giro 2019: “Voglio lottare per il titolo e portare la Maglia Rosa in Ecuador”

Richard Carapaz punta forte sul Giro d’Italia 2019. Rivelazione dell’edizione di quest’anno, conclusa in quarta posizione in lotta sino alla fine per podio e Maglia Bianca, il corridore della Movistar si appresta a continuare la sua crescita sulle strade del nostro paese. Il suo calendario il prossimo anno sarà dunque simile a quello di quest’anno, con la Corsa Rosa come il grande obiettivo di una stagione che potrebbe per lui essere anno fondamentale per capire se è in grado di compiere il salto da promessa a realtà. Oltre al #Giro102, anche nella prossima stagione prenderà parte alla Vuelta a España, aspettando dunque per il debutto al Tour de France.

“Quest’anno abbiamo mostrato di potersela giocare, quindi il prossimo voglio lottare per il titolo – ammette a El Comercio – Vincere la Maglia Rosa e poterla portare in Ecuador è il grande obiettivo che mi sono prefissato. Inoltre, è la corsa che mi ha sempre entusiasmato, sin da bambino. La squadra ha deciso di darmi fiducia per il Giro 2019 e anche gli allenatori credono che possa avere buone possibilità di vincere. Quindi la squadra si formerà intorno a me”.

Per il 25enne sudamericano l’esordio alla Grande Boucle dovrà dunque aspettare almeno un anno, una decisione prevedibile dopo che Nairo Quintana ha già annunciato di voler puntare forte sulla corsa francese il prossimo anno. “So che il Tour è una grande corsa, la migliore al mondo, ma non ci andrò – aggiunge – Vorrei aspettare ancora un anno per continuare a maturare ancora prima di andarci”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.