© Sirotti

Astana, Alexander Vinokourov rassicura: “C’è un ritardo nei pagamenti ma presto tutto sarà ok”

Alexander Vinokourov ha confermato il ritardo nei pagamenti degli stipendi per corridori e staff della Astana. Il team kazako, infatti, non ha ancora pagato le prime due mensilità del 2020 per un ritardo dell’arrivo del budget per questa stagione. La formazione è finanziata dal fondo sovrano del paese Samruk Kazyna e trattandosi di un’organizzazione governativa, ci sarebbero intoppi burocratici dietro al mancato trasferimento di fondi. Insomma, secondo il team manager si tratterebbe di un ritardo fisiologico ma non preoccupante.

“Confermiamo che la Astana non è stata ancora in grado di pagare i salari di tutti nel 2020 – le parole di Vinokourov riportate da CyclingWeekly – Il pagamento è stato effettuato parzialmente. Vogliamo anche confermare che il budget totale dello sponsor principale Samruk Kazyna è stato approvato con successo. Vale anche la pena ricordare che la Astana ha già iniziato la sua quindicesima stagione e in tutti questi anni il nostro sponsor principale Samruk Kazyna ci ha sempre fornito i fondi necessari. Poiché siamo sponsorizzati da organizzazioni governative ufficiali, a volte c’è un ritardo nel pagamento a causa del lento processo amministrativo di approvazione del fondo“.

“La scorsa settimana il nostro team ha ricevuto la conferma ufficiale che il problema sarà risolto entro la fine di questa settimana ed avremo i fondi per pagare i salari di febbraio e marzo – ha aggiunto il kazako – Siamo fiduciosi che alla fine di questa settimana i problemi saranno risolti e che potremo continuare a correre nelle prossime gare”.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.