© ASO/Broadway

Ag2r La Mondiale, anche la Vuelta nel 2020 con ben poca Francia di Romain Bardet

Sarà un 2020 ben poco francese per Romain Bardet. Il talentuoso corridore della Ag2r La Mondiale ha già annunciato che sarà presente al Giro d’Italia 2020, mentre non sarà al via del Tour de France 2020, corsa che è sempre stata nei suoi pensieri, ma che finora gli ha regalato soddisfazioni solo parziali. Nella prossima stagione quindi lo scalatore di Brioude cambierà praticamente tutto, per quel che riguarda il programma agonistico. E al momento, visto il calendario diramato, per lui ci saranno solo sette giorni di corsa sulle strade di casa.

I grandi appuntamenti della stagione 2020 di Bardet saranno quindi il Giro d’Italia, i Giochi Olimpici di Tokyo, la Vuelta a España e la prova in linea dei Mondiali di Aigle-Martigny. Lo scalatore transalpino debutterà a gennaio al Tour Down Under, che affronterà per la prima volta, a conferma di una voglia di novità a 360°. A febbraio affronterà invece le quasi uniche corse nazionali con Tour du Haut-Var, Faun-Ardèche Classic e Royal Bernard Drome Classic, prima di tornare in Italia per Strade Bianche e Tirreno-Adriatico.

La sua primavera proseguirà poi con il Tour of the Alps e l’amata Liegi-Bastogne-Liegi, che farà da gustoso aperitivo alla Corsa Rosa, che scatterà il 9 maggio dall’Ungheria. Il transalpino ha segnato sulla sua agenda anche il Campionato nazionale francese e il Giro di Polonia, prima del gran finale sopra descritto, fra Tokyo, Spagna e Mondiali in Svizzera.

Tante corse, e di alto livello, quindi, ma ben poche in Francia. “Non ne vado fiero – ha ammesso Bardet a L’Equipe – È poco, ma è quello che scaturisce dal calendario che desidero seguire. Con due Grandi Giri in programma, gli altri giorni di corsa non potevano essere tanti. Ad esempio, il Giro del Delfinato si sovrappone al Giro d’Italia, quindi non era possibile, ma è anche una gara che ho fatto negli ultimi 6 anni; sono anche felice di cambiare un po’, scoprendo il Tour of the Alps e il Giro di Polonia.

Nel 2019 Romain Bardet ha vinto la maglia di miglior scalatore al Tour de France, non lasciando però il segno in classifica generale (15esimo). Per lui anche il nono posto alla Amstel Gold Race, il quinto nella graduatoria finale della Parigi-Nizza e il secondo al Tour du Haut-Var. Nessuna vittoria, però, nella stagione appena conclusa, considerata la peggiore della sua carriera sinora, specialmente per la delusione alla Grande Boucle. Da qui la decisione di stravolgere la sua annata.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.