© A.S.O./Pauline Ballet

Tour de France 2021, Primoz Roglic: “Partenza veloce e ho risentito dei colpi della terza tappa” – la Jumbo-Visma: “Se Van Aert non supererà le montagne, giocheremo la carta Vingegaard”

Primoz Roglic sembra già vicino ad abbandonare il sogno di vincere il Tour de France 2021. Il corridore della Jumbo-Visma, ancora sofferente per la caduta dell’altro giorno, è arrivato oggi sul traguardo con un ritardo di  9’03” dal vincitore di giornata Matej Mohoric, finendo a 9’11” dalla maglia gialla in classifica generale. Dopo il traguardo, lo sloveno ha ammesso che i dolori della caduta si sono fatti sentire, acuiti anche da una giornata molto veloce e dal lungo chilometraggio. All’interno del team neerlandese sono dunque cominciati già altri ragionamenti, con Wout Van Aert e Jonas Vingegaard che potrebbero ora godere di maggiori liberta.

È stato un inizio veloce e ho risentito dei colpi della terza tappa” sono le uniche dichiarazioni rilasciate dallo sloveno a Marca, che ha raccolto anche le parole del ds del team Grischa Niermann: “Il team deve ricomporsi. Dopo la caduta di Tony Martin a causa della tifosa e quella di Primoz con Colbrelli, tolto il ritiro di Gesink in Bretagna e le altre cadute che hanno coinvolto Kruijswijk, Vingegaard e Van Aert, non siamo messi così male in classifica generale, anche se dobbiamo ripensare la strategia. Se Wout supererà le grandi montagne, lo supporteremo, altrimenti giocheremo la carta Vingegaard. Primoz è davvero lontano”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.