© Movistar / BettiniPhoto

Tour de France 2019, Mikel Landa sorride: “Mi trovo dove volevo essere a questo punto della corsa”

Prestazione arrembante quella di Mikel Landa nella sesta tappa del Tour de France 2019. Il basco è stato il primo tra i big a provare qualcosa nella prima giornata di montagna, che da Mulhouse conduceva alla Planche des Belles Filles. Sfruttando il lavoro della sua Movistar nella seconda metà della frazione, ed in particolare il generoso apporto del campione del mondo Alejandro Valverde sulla penultima asperità di giornata e all’imbocco dell’erta finale, lo spagnolo ha tentato la sortita personale ai tre chilometri dall’arrivo, arrivando a guadagnare un massimo di 23 secondi sul gruppo dei migliori, salvo poi essere riassorbito in prossimità della flamme rouge.

Buona la sua difesa nelle ultime centinaia di metri di sterrato di fronte al forcing dello scatenato Geraint Thomas (INEOS), concludendo la tappa in decima posizione, a nove secondi dal gallese. Nella nuova generale è dunque 17°, con un ritardo inferiore al minuto rispetto al campione uscente, ora primo dei big dopo la sua accelerazione sullo sterrato finale.

“È stata la prima tappa di montagna, avevo delle buone gambe e volevo trovare una conferma per questa mia sensazione, per vedere se anche i nostri rivali avessero voglia di forzare il ritmo – commenta il basco – Tuttavia, su un traguardo del genere, con quelle dure pendenze finali, ognuno mantiene qualche riserva di energia per il finale ed è dunque anche difficile aprire dei reali distacchi”. Landa considera dunque il suo scatto solitario più un test per saggiare la condizione dei suoi avversari che un vero tentativo di fare la differenza sin sul traguardo. “Le sensazioni dopo la tappa sono buone: anche se Thomas ha guadagnato una manciata di secondi su di noi, mi trovo proprio dove volevo essere a questo punto della corsa. Penso che possiamo affrontare le prossime frazioni di montagna con buone speranze”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Un commento

  1. L’analisi è molto fedele a quello che si è visto. La condivido in toto e mi complimento per la forma usata, molto appropriata e scorrevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.