© Wanty - Groupe Gobert

Tour de France 2018, G.Martin ha corso due settimane con una costola fratturata: “Non cerco scuse”

Due settimane con una costola fratturata per Guillaume Martin al Tour de France 2018. Caduto durante la nona tappa, il corridore della Wanty – Groupe Gobert è stato a lungo in lotta per un posto nei primi quindici e per la Maglia Bianca con Pierre Latour (Ag2r La Mondiale), cedendo terreno nelle ultime frazioni fino a concludere in quella che sarà probabilmente una definitiva 21ª posizione. Con il dolore aumentato negli ultimi giorni, lo scalatore francese, al suo secondo GT in carriera, si è sottoposto ad alcuni accertamenti che hanno evidenziato la frattura.

Non cerco scuse – precisa il 25enne transalpino – Ma la frattura sicuramente non mi ha aiutato durante questo Tour. Anche se chiaramente non è l’unica ragione per le mie non buone sensazioni in queste settimane. Forse ho iniziato il Tour più stanco, con anche la prima settimana che non è andata come previsto a causa di un frazionamento in gruppo e di una caduta che mi ha fatto perdere molto tempo”.

23° lo scorso anno, quest’anno si è dunque riuscito a migliorare, avendo perso la ventesima posizione solo nella crono finale a vantaggio di Damiano Caruso (BMC), ma il suo obiettivo era più ambizioso, quindi non si ritiene soddisfatto del risultato. “Puntavo alla Top 15, quindi il mio obiettivo non è stato raggiunto – ammette – Non posso tracciare un bilancio positivo di questo Tour, ma non voglio lamentarmi, non è stato tutto negativo. Sono stato in grado di mettermi in mostra, malgrado non mi sentissi benissimo nelle tre fughe in cui mi sono inserito. Una di queste si è giocata la vittoria, concludendo con un discreto 12° posto”.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.