Giro d’Italia 2019, Nibali: “Non do nulla per scontato, ma so di poter far bene”

Ultime ore di riposo per Vincenzo Nibali e tutti i pretendenti al Giro d’Italia 2019. Da domani, con la Lovere-Ponte di Legno e la scalata del Mortirolo, comincerà l’ultima e decisiva settimana della Corsa Rosa, che vedrà finalmente il tanto atteso testa a testa tra i big della generale. Il capitano della Bahrain-Merida è ovviamente il più atteso, perché corre in casa e perché in passato ha regalato grande spettacolo nell’ultima settimana. Il messinese ha 1’47” da recuperare su Richard Carapaz (Movistar) e un minuto su Primoz Roglic (Jumbo-Visma); un’impresa non semplice che però stuzzica la fantasia e la motivazione dello Squalo.

“Ci attende una settimana davvero dura – ha spiegato durante la conferenza stampa del giorno di riposo – Abbiamo già fatto alcune tappe difficili, ma da domani saremo tutti più stanchi. In generale mi sento bene, perché so quale sia il mio valore. Non voglio dire di più, ma so di poter fare bene in questo Giro. Non do nulla per scontato, il Giro è sempre imprevedibile“.

L’importante sarà farsi trovare sempre pronti: “Non so quale possa essere la giusta strategia, provare a guadagnare qualche secondo ogni giorno o provare a dare il colpo secco ai miei avversari in una sola tappa – continua Nibali – Questo rimane un Giro piuttosto tattico e finora abbiamo visto molte fasi di studio”.

Nonostante la cancellazione del Gavia, la tappa di domani resta tra quelle decisive: “L’assenza del Gavia toglierà sicuramente qualcosa. Ma il Mortirolo resta, ed è una salita davvero impegnativa”.

Nel video la conferenza stampa integrale di Vincenzo Nibali, divisa in due parti

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.