UAE Tour 2020, l’osteopata Dario Marini racconta la lotta con il coronavirus: “Ho 38 anni e mi sono ammalato in modo grave”

Era l’osteopata Dario Marini uno dei positivi al coronavirus durante l’UAE Tour 2020. A raccontarlo è lo stesso 38enne di Sansepolcro, che ha combattuto il COVID-19 per 15 giorni, di cui nove trascorsi in terapia intensiva nell’ospedale di Abu Dhabi. Un uomo giovane, atletico e in salute che per quasi tre settimane ha combattuto la malattia fino a risultare per tre volte negativo consecutivamente. 19 giorni complessivi, ai quali sono seguiti altri giorni per vedere anche la polmonite in atto guarire completamente e poter tornare a casa insieme agli ultimi elementi della squadra, tra i quali anche Fernando Gaviria. Un lungo calvario finito, che ora dalla sua casa di Cesena, dove ha raggiunto la moglie Letizia, può raccontare.

“Ho vinto il Coronavirus e vi dico: resistete e non sottovalutatelo – spiega ad ArezzoNotizie Non sottovalutate il coronavirus, io ho 38 anni e mi sono ammalato in modo grave pur godendo di un’ottima salute e avendo un fisico da sportivo. Per chi è in isolamento, in quarantena o semplicemente è in ansia dico di non abbattersi e tenere duro. E soprattutto attenersi a tutte le disposizioni che ci sono state date: state in casa, usate mascherine e guanti, rispettate le distanze. Così si può sconfiggere il virus”.

Dario è stato tra i primi a manifestare i sintomi: “Era il 26 febbraio, mi hanno fatto il test e dato i primi medicinali. Inizialmente sembrava tutto sotto controllo. Ma il 29 febbraio il medico della società ci ha spiegato che io e un collega saremo dovuti andare in ospedale. Dopodiché la situazione è precipitata”. Corsa sospesa, tutta la carovana isolata per lunghi giorni prima che buona parte potesse ripartire, anche se quattro squadre sono state bloccate. Dopo alcuni giorni sono ripartiti anche Cofidis e Groupama-FDJ, mentre gli uomini della Gazprom – Rusvelo e della UAE Team Emirates sono dovuti rimanere più a lungo e concludere la quarantena, visto che era proprio fra queste che si erano sviluppati alcune positività.

“Mi hanno dato antibiotici e antivirali – racconta – dopo la prima notte, se non ci fosse stato nessun miglioramento, mi avrebbero intubato. Fortunatamente i miei polmoni hanno risposto bene ai medicinali ed è stato sufficiente l’ossigeno […] Tre volte al giorno gli antibiotici e poi un mix di antivirali per ebola e hiv, quindi gli anti artritici. Per il Coronavirus non c’è una cura e i medici hanno seguito passo dopo passo l’evoluzione della situazione a livello internazionale. Hanno valutato di volta in volta, anche in base ai risultati riscontrati da medici che operavano in altre aree geografiche, se modificare o meno il mix”.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.